Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To use Pocket to save bookmarks to PEP-Web articles…

PEP-Web Tip of the Day

Pocket (formerly “Read-it-later”) is an excellent third-party plugin to browsers for saving bookmarks to PEP-Web pages, and categorizing them with tags.

To save a bookmark to a PEP-Web Article:

  • Use the plugin to “Save to Pocket”
  • The article referential information is stored in Pocket, but not the content. Basically, it is a Bookmark only system.
  • You can add tags to categorize the bookmark to the article or book section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Stein, D. (2008). SECONDO COMMENTO. L'Annata Psicoanal. Int., 4:219-223.

(2008). L'Annata Psicoanalitica Internazionale, 4:219-223

SECONDO COMMENTO

Di Ruth Stein

È questa una breve narrazione evocativa di un incontro analitico tra un analista esperto e una giovane donna profondamente angosciata e disperata. Sono grata al dottor Rolland per la disponibilità con cui offre le sue considerazioni sensibili e sagaci. La trasparenza e l'acuta precisione con cui narra la sequenza degli eventi nelle sedute mi ha consentito, mano a mano che leggevo il suo resoconto avvincente, di penetrare parzialmente nella trama degli eventi e delle relazioni del suo lavoro con questa paziente e di trovare le parole adatte con cui esprimere la mia interpretazione.

F, la paziente, ha avuto un impatto senza precedenti sull'analista: «Mai ho avuto un colloquio iniziale con un paziente che mi abbia lasciato un'impressione tanto profonda quanto quello con F». La scena passa da una muta incuria ad una ferale agonia per scivolare nuovamente nel silenzio. F sembra un'emarginata, una senzatetto; il suo abbigliamento è asessuato, il viso è inespressivo e di una magrezza cadaverica. Il suo lungo silenzio addensa disperazione e desolazione, la cui aridità può essere smorzata esclusivamente dalle lacrime che le rigano il volto e sciolgono i lineamenti paralizzati. L'analista accoglie tutto ciò e lo comprende senza pronunciare parola; non dubita di ciò che la donna comunica né di ciò che gli si presenta: sofferenza pura. Non classifica, non categorizza e non formula alcuna diagnosi (quanto meno non subito, e poi soltanto in una nota a piè pagina).

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.