Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To use the Information icon…

PEP-Web Tip of the Day

The Information icon (an i in a circle) will give you valuable information about PEP Web data and features. You can find it besides a PEP Web feature and the author’s name in every journal article. Simply move the mouse pointer over the icon and click on it for the information to appear.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Jimenez, J.P. (2012). PluralitĂ  teorica e pluralismo nella prassi psicoanalitica. L'Annata Psicoanal. Int., 6:73-94.

(2012). L'Annata Psicoanalitica Internazionale, 6:73-94

Pluralità teorica e pluralismo nella prassi psicoanalitica Language Translation

Juan Pablo Jimenez

L'autore inizia col definire l'attuale situazione nel campo della psicoanalisi in quanto caratterizzata da una crescente eterogeneità teorica e pratica. Scopo di questo lavoro è di approfondire l'impatto della pluralità teorica sulla clinica. Dopo aver considerato che, nella seduta terapeutica, il lavoro psichico di un analista va molto al dì là della semplice “attenzione liberamente fluttuante”, l'autore offre una rassegna di contributi passati e recenti per definire i processi mentali dell'analista nel processo terapeutico con il paziente. Suggerisce che questo tema sia stato affrontato principalmente partendo da prospettive individuali. Sulla base di questa considerazione e avvalendosi del materiale clinico più rilevante, egli tenta di dimostrare come, sullo sfondo dell'“uso implicito di teorie esplicite”, si declini nella psiche dell'analista un costante processo decisionale, co-determinato dalle azioni e reazioni del paziente. Muovendo dall'analisi di una seduta, l'autore introduce i concetti di ragione teorica e ragione pratica e sostiene che, a prescindere dalle teorie che l'analista ha implicitamente o esplicitamente in mente, queste finiscono per cedere il passo alle ragioni pratiche. Articolando ulteriormente questa linea di pensiero, definisce la validazione nel contesto clinico come un processo individuale, continuo e di ampia portata, di co-costruzione sociale e linguistica della realtà intersoggettiva fra paziente e analista. Questo processo comprende aspetti reciproci di osservazione e di validazione comunicativa e pragmatica. In conclusione propone l'immagine dell'artigiano reputandola appropriata per descrivere come l'analista concepisca il suo lavoro.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.