Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
PEP-Easy Tip: To save PEP-Easy to the home screen

PEP-Web Tip of the Day

To start PEP-Easy without first opening your browser–just as you would start a mobile app, you can save a shortcut to your home screen.

First, in Chrome or Safari, depending on your platform, open PEP-Easy from pepeasy.pep-web.org. You want to be on the default start screen, so you have a clean workspace.

Then, depending on your mobile device…follow the instructions below:

On IOS:

  1. Tap on the share icon Action navigation bar and tab bar icon
  2. In the bottom list, tap on ‘Add to home screen’
  3. In the “Add to Home” confirmation “bubble”, tap “Add”

On Android:

  1. Tap on the Chrome menu (Vertical Ellipses)
  2. Select “Add to Home Screen” from the menu

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Heenen-Wolff, S. (2012). L'analista al lavoro. “Un uomo legato”. L'Annata Psicoanal. Int., 6:95-103.

(2012). L'Annata Psicoanalitica Internazionale, 6:95-103

L'analista al lavoro. “Un uomo legato” Related Papers Language Translation

Susann Heenen-Wolff

Il signor B., 33 anni, chiese appuntamento con me perché sentiva di non avere dentro di sé una vera e propria vitalità: “Alcune parti di me sono morte”. Si sentiva vecchio e aveva la sensazione di avere anche le sembianze di un vecchio, data la calvizie quasi totale iniziata quand'era ancora adolescente.

Nel nostro primo incontro mi disse che non sognava praticamente mai. Era un insegnante di scuola elementare, sposato, con un figlio di due anni e mezzo. Poiché il lavoro della moglie la impegnava molto, era il signor B. a occuparsi della gestione quotidiana del ménage domestico, prendendosi cura del figlio, facendo il bucato e preparando i pasti.

Proveniva da una famiglia di protestanti osservanti che vivevano in campagna. I genitori, a suo vedere, avevano una condotta ostile e austera, molto distaccata da lui e da suo fratello minore. La madre era agli ordini del padre e soffriva di sclerosi.

Il signor B. non ricordava quasi nulla dell'infanzia, tranne che, a detta della madre, era stato un bambino molto vivace. Si ricordava però di quanto si fosse straordinariamente ripiegato su se stesso nella pubertà, anche se il suo andamento scolastico era rimasto brillante. Fu soltanto abbastanza tardi, all'età di 26 anni, che ebbe il primo rapporto sessuale con una donna - durante tutta l'adolescenza non si era mai toccato i genitali per trarre piacere, men che meno si era masturbato. “Ancora oggi mi vergogno di essere un uomo.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.