Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of Freud SE or GW…

PEP-Web Tip of the Day

When you hover your mouse over a paragraph of the Standard Edition (SE) long enough, the corresponding text from Gesammelte Werke slides from the bottom of the PEP-Web window, and vice versa.

If the slide up window bothers you, you can turn it off by checking the box “Turn off Translations” in the slide-up. But if you’ve turned it off, how do you turn it back on? The option to turn off the translations only is effective for the current session (it uses a stored cookie in your browser). So the easiest way to turn it back on again is to close your browser (all open windows), and reopen it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Chetrit-Vatine, V. (2012). L'analista al lavoro Qualche riflessione collegata alla seduzione etica dell'incontro analitico: un commento su “Un uomo legato”. L'Annata Psicoanal. Int., 6:111-116.

(2012). L'Annata Psicoanalitica Internazionale, 6:111-116

L'analista al lavoro Qualche riflessione collegata alla seduzione etica dell'incontro analitico: un commento su “Un uomo legato” Related Papers Language Translation

Viviane Chetrit-Vatine

Lavorando sulla base del racconto di frammenti provenienti da cinque anni di analisi, sono stata invitata a costruire il mio commento rimanendo quanto più possibile seduta nella mia poltrona analitica e sforzandomi di veicolare la mia esperienza personale, evocata dal materiale scritto. La narrazione di Susann Heenen-Wolff è riuscita a dipingere l'intensità e l'intimità del singolare incontro della coppia analitica, che ha formato con il suo paziente, così come è stata vissuta, sognata, rintracciata e ricordata nella mente e nel corpo dell'analista. Tuttavia ho trovato la mia missione molto complessa, sia sul piano scientifico che su quello etico. “Eize hutzpah!!” (“Che insolenza!”) è l'espressione che, a mio avviso, meglio esprime il mio attuale sforzo conflittuale di tentare di dare forma alle mie associazioni rispetto alla storia dell'analisi del signor B. con Susann.

Desidero scusarmi di una simile hutzpah e mi preme ringraziarla dell'opportunità che mi ha offerto di “stare al suo gioco”, sperando che il mio giocare possa essere utile e arricchente per il nostro rispettivo lavoro.

Il signor B. arriva in analisi lamentandosi di un'assenza di vitalità. Fin dall'adolescenza sente che “parti di [lui] sono morte”. Riferisce che “non sogna quasi” e ritengo che probabilmente desidererebbe poterlo fare. Non ha ricordi dell'infanzia. Credo che sappia che un tempo aveva dei ricordi e mi sta dicendo che non sono davvero irraggiungibili.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.