Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of Freud SE or GW…

PEP-Web Tip of the Day

When you hover your mouse over a paragraph of the Standard Edition (SE) long enough, the corresponding text from Gesammelte Werke slides from the bottom of the PEP-Web window, and vice versa.

If the slide up window bothers you, you can turn it off by checking the box “Turn off Translations” in the slide-up. But if you’ve turned it off, how do you turn it back on? The option to turn off the translations only is effective for the current session (it uses a stored cookie in your browser). So the easiest way to turn it back on again is to close your browser (all open windows), and reopen it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Cionini, L. Finocchietti, A. Nocentini, C. (1976). caratteristiche cognitive e variabili socio-familiari. Psicoter. Sci. Um., 10(4):25-34.

(1976). Psicoterapia e Scienze Umane, 10(4):25-34

caratteristiche cognitive e variabili socio-familiari

Lorenzo Cionini, Anna Finocchietti e Carlo Nocentini

1. INTRODUZIONE

1.1 Premessa

Le modalità operative del pensiero sono state da sempre oggetto di interesse da parte della psicologia, sia sotto il profilo di una loro quantificazione (e da qui tutte le ricerche e gli studi che hanno portato alla creazione di scale di intelligenza prima, alla messa in discussione del loro esatto significato poi), che sotto il profilo qualitativo (e da qui le ricerche e gli studi che hanno teso a differenziare diverse forme di pensiero e modi di approccio ai problemi).

Contemporaneamente a questi studi sono state analizzate le interrelazioni esistenti tra intelligenza e variabili sociali (condizioni socioeconomiche di appartenenza, scolarizzazione del nucleo familiare ecc…); tra intelligenza, variabili sociali e rendimento scolastico; tra variabili sociali e personalità.

Con questa ricerca ci proponiamo di prendere in esame il rapporto esistente tra variabili sociofamiliari da un lato e alcune variabili cognitive dall'altro.

Nella scelta delle variabili cognitive ci si è orientati nel senso di individuate tre settori: modalità operative di pensiero, capacità di organizzazione concettuale dei dati dell'esperienza, modalità di approccio agli stimoli ambientali.

1.2 Indirizzi di studio sui processi cognitivi

1.2.1 Pensiero convergente, pensiero divergente

Nell'affrontare la tematica relativa alle modalità operative del pensiero non si può prescindere dagli argomenti introdotti da Guilford nel discorso presidenziale all'American Psychological Association (1950), in cui egli presentò la sua concezione della struttura dell'intelletto introducendo la distinzione tra pensiero convergente e pensiero divergente: il primo utilizzato nella soluzione di problemi che richiedono un'unica risposta giusta, raggiungibile mediante l'elaborazione di informazioni già apprese e l'adattamento di vecchie risposte a situazioni nuove, il secondo che riguarda essenzialmente la produzione di una molteplicità di risposte nuove implicando fluidità, flessibilità ed originalita.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.