Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To sort articles by Rankā€¦

PEP-Web Tip of the Day

You can specify Rank as the sort order when searching (it’s the default) which will put the articles which best matched your search on the top, and the complete results in descending relevance to your search. This feature is useful for finding the most important articles on a specific topic.

You can also change the sort order of results by selecting rank at the top of the search results pane after you perform a search. Note that rank order after a search only ranks up to 1000 maximum results that were returned; specifying rank in the search dialog ranks all possibilities before choosing the final 1000 (or less) to return.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Zanuso, B. (1982). L'INVIDIA DEL PENE: UNA REVISIONE. Psicoter. Sci. Um., 16(2):19-36.

(1982). Psicoterapia e Scienze Umane, 16(2):19-36

L'INVIDIA DEL PENE: UNA REVISIONE

Billa Zanuso

La critica alla posizione di Freud nei confronti della psicologia e sessualità femminile è diventata luogo comune da parte di chi si interessi di psicoanalisi, di condizione femminile o di entrambe. Effettivamente l'immagine della donna, così come l'indagine freudiana l'ha definita attraverso gli anni, non può certo dirsi edificante: afflitta sin dalla più tenera infanzia da un senso di inferiorità per la sua minorazione organica (l'assenza del pene); alleata al sesso maschile nel disprezzo per il suo sesso minorato in questo punto decisivo; incline alla gelosia più dell'uomo; esposta più dell'uomo a traumi e difficoltà per il cammino tortuoso che dovrà seguire nel periodo evolutivo (abbandono del primo oggetto d'amore — la madre — per il padre, abbandono della sessualità clitoridea per una sessualità più adulta vaginale); naturalmente incline al masochismo, alla passività, alla rimozione della sessualità con il rischio sempre presente di cadere nella frigidità o nella nevrosi. Dotata di un senso etico minore di quello dell'uomo, più soggetta quindi a lasciarsi guidare da sentimenti di tenerezza od ostilità che non dalla coscienza morale e quindi più volubile, meno affidabile dell'uomo. Più incline dell'uomo a centrare il proprio interesse su se stessa, ad essere fonte di attrazione proprio per la sua narcisistica autosufficienza e inaccessibilità, ad essere amata più che ad amare.

Se questi sono, secondo Freud, i tratti caratteristici dell'individuo di sesso femminile, non è sorprendente che si siano levate contro Freud proteste, rimproveri, accuse, risentimenti.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.