Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To keep track of most cited articles…

PEP-Web Tip of the Day

You can always keep track of the Most Cited Journal Articles on PEP Web by checking the PEP Section found on the homepage.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Formenti, C. (1982). UNA FISICA DELLE IMMAGINI. Psicoter. Sci. Um., 16(3):17-37.

(1982). Psicoterapia e Scienze Umane, 16(3):17-37

UNA FISICA DELLE IMMAGINI

Carlo Formenti

In un articolo dell'autunno del 1980 (« La macchina, il cyborg, il mana. L'immaginario scientifico di Lyotard, aut aut n. 179-180) criticavo il modo in cui Lyotard (cfr. La condizioni postmoderna, Feltrinelli 1981) tenta di attribuire connotati rivoluzionari alla « scienza delle instabilità », riferendosi in particolare alla matematica delle catastrofi, alla termodinamica dei sistemi aperti e a tutta la nuova modellistica scientifica che si propone di formalizzare eventi stocastici, fenomeni singolari, oggetti irregolari, attraverso nozioni come quelle di fluttuazione, biforcazione, ecc. Mi era parso soprattutto che Lyotard, nel tentativo di dimostrare l'omologia fra nuovi paradigmi della ricerca scientica e nuova razionalità di un possibile progetto anticapitalistico, finisse per rivolgersi alle categorie della critica dell'economia politica, indebolendo il suo discorso nei confronti di elaborazioni teoriche che, come quelle di Luhmann, utilizzano la teoria dei sistemi con esiti politici di segno opposto, applicandola direttamente all'oggetto-politica senza ricorrere a contaminazioni metodologiche e disciplinari.

Successivamente, si sono levate voci che si sono spinte assai oltre, affermando che nel nuovo stile di razionalità scientifica, esaltato da Lyotard, prevarrebbero i rischi di una traduzione politica conservatrice. Mi riferisco in particolare alle osservazioni di Mario Galzigna su Prigogine, sul numero di Alfabeta dell'ottobre 1981, e all'articolo di Mario Vegetti sul numero 186 di aut aut (« Lucrezio e il materialismo pacificato », novembre-dicembre 1981). Introdurrò la tematica che mi propongo di affrontare nel mio intervento, muovendo da questo secondo articolo.

Il bersaglio polemico di Vegetti è il libro di Michel Serres, Lucrezio e le origini della fisica (Sellerio, 1980) che assume l'opera di Lucrezio a rappresentante dell' « altra » fisica, di quella fisica dei fluidi che studia le forme dell'ordine come prodotti della stabilità relativa che si organizza casualmente in un orizzonte di scorrimento instabile.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.