Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To report problems to PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Help us improve PEP Web. If you find any problem, click the Report a Problem link located at the bottom right corner of the website.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Disnan, G. Vizziello, G.F. (1985). VALUTAZIONE STRUTTURALE E MODALITA' DI INTERVENTO PER PREADOLESCENTI BORDERLINE. Psicoter. Sci. Um., 19(3):68-80.
  

(1985). Psicoterapia e Scienze Umane, 19(3):68-80

VALUTAZIONE STRUTTURALE E MODALITA' DI INTERVENTO PER PREADOLESCENTI BORDERLINE

Giuseppe Disnan e Graziella Fava Vizziello

Il titolo dell'ultimo convegno della Società di psichiatria e psicoterapia dell'adolescenza che si è tenuto a Ginevra nel mese di marzo del 1984 è stato «Quali preadolescenti e adolescenti trattare e come».

Ladame [12] ha messo in evidenza che la pressione culturale attuale si esplicita su due linee divergenti: si accusano i tecnici di psichiatrizzazione, mentre si richiedono indiscriminatamente per ogni devianza (o presunta tale) dalla norma. Come era prevedibile tutto il convegno è stato centrato sulle situazioni borderline, che a questo proposito presentano il maggior livello di problematicità. Il discorso che si è sviluppato ha trovato consonanze e dissonanze col lavoro di raccolta critica di dati e di catamnesi che stavamo portando avanti nel servizio constatata la frequenza con cui questo tipo di patologia veniva segnalato e le difficoltà della presa a carico della stessa. Volevamo di fatto verificare, all'interno di una casistica sintomatologicamente polimorfa, ma similare sul piano del funzionamento psichico:

1.   se il termine borderline corrisponde ad una precisa struttura;

2.   se è possibile individuare punti comuni nelle modalità di intervento, notevolmente diversificate;

3.   se sulla possibile evoluzione della casistica, pur nei limitati elementi di predittività a nostra disposizione, è possibile rispondere al quesito «Quali preadolescenti trattare e come».

Il D.s.m.-III dice testualmente che la caratteristica essenziale di questi minori è un disturbo di personalità nel quale vi è

instabilità in una varietà di aree includenti il comportamento interpersonale, l'amore e l'immagine di sè…, relazioni interpersonali spesso intense e instabili con marcati cambiamenti di atteggiamento nel tempo… comportamento imprevedibile… problemi correlati all'identità, all'immagine di sè, all'identità sessuale o le mete e i valori a lungo termine… problemi nel tollerare il fatto di essere soli o sentimenti cronici di vuoto e di noia.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.