Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To refine search by publication year…

PEP-Web Tip of the Day

Having problems finding an article? Writing the year of its publication in Search for Words or Phrases in Context will help narrow your search.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Mancini, A. (1988). Enrico Cesare Gori, Costruzioni freudiane: la mente. Roma: Armando, 1987, pp. 210, lire 20.000.. Psicoter. Sci. Um., 22(2):113-116.

(1988). Psicoterapia e Scienze Umane, 22(2):113-116

Enrico Cesare Gori, Costruzioni freudiane: la mente. Roma: Armando, 1987, pp. 210, lire 20.000.

Review by:
Antonella Mancini

Il testo compare nella collana «Psicologia, psicologia clinica, psicoanalisi» che l'editore Armando dedica alla formazione universitaria dei nuovi psicologi e all'aggiornamento dei professionisti, senza tuttavia precludersi l'accesso del lettore di buona cultura generale. La collana nasce sotto la spinta del boom della psicologia in Italia, con lo scopo di offrire una documentazione specialistica e rigorosa, tecnicamente accurata anche nell'esposizione. Il libro di Gori risponde a tutti questi requisiti salvo forse a quello di essere a portata di mano di un pubblico di non addetti ai lavori. Dubito infatti che un lettore di «buona cultura generale» sia in grado di tener dietro ai sottili e dotti distinguo attraverso cui l'a., al di là del titolo accattivante, lo introduce e conduce per sentieri spesso ostici persino per i più fedeli e ostinati cultori di Freud.

Nella breve prefazione Bellanova inquadra il lavoro di Gori nell'ambito delle ricerche sui processi mentali precoci portate avanti dalla scuola romana di psicoanalisi. Ma lo studio in questione va ancora più in là in quanto, attraverso una sistematica ricognizione dell'intero corpus freudiano, viene a toccare alcuni scogli in cui la psicoanalisi seguita a imbattersi da anni senza trovare vie d'uscita soddisfacenti. Primo fra tutti, il rapporto fra mentale e biologico; secondo, quello della costruzione del sé; infine quello delle errate traduzioni e dei conseguenti equivoci teorici coi noti effetti a cascata che hanno reso oscuri o incoerenti molti concetti psicoanalitici. Gori affronta questa imponente mole di problemi scavando nei «senso di due piccole parole»: presentazione (Vorstellung) e rappresentazione (Darstellung), con l'intento di ricollocarle esattamente nella metapsicologia.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.