Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To review the glossary of psychoanalytic concepts…

PEP-Web Tip of the Day

Prior to searching for a specific psychoanalytic concept, you may first want to review PEP Consolidated Psychoanalytic Glossary edited by Levinson. You can access it directly by clicking here.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Todarello, O. Porcelli, P. (1990). NOTE SUL PROBLEMA PSICOSOMATICO: Parte seconda: Il limite dell'episteme analitica. Psicoter. Sci. Um., 24(1):29-46.

(1990). Psicoterapia e Scienze Umane, 24(1):29-46

NOTE SUL PROBLEMA PSICOSOMATICO: Parte seconda: Il limite dell'episteme analitica

Orlando Todarello e Piero Porcelli

In un famoso esempio, Freud paragonò il lavoro dell'analista a quello dell'archeologo, almeno in linea di massima. La metodologia analitica si organizza lungo una dimensione archeologica, e costruttivista, in quanto ciò che interessa è il contenuto di verità storica dell'analizzando, cioè il tipo di verità che il soggetto si è costruito nel corso della sua vita secondo le fantasie e le difese che ha organizzato attorno a uno o più problemi essenziali della propria struttura originaria di relazione. L'analista offre le strutture formali e interpretative che consentono di collegare un materiale di ricordi ed emozioni che giace sepolto sotto la rigidità e la stereotipia delle difese dell'analizzando. Per esprimerci con le stesse parole di Freud: «L'analista deve scoprire, o per essere più esattti costruire, il materiale dimenticato a partire dalle tracce che di esse sono rimaste» (Freud, 1937: 543). L'episteme analitica si compone di una prassi ermeneutica dell'intertestualità sia a livello sincronico (nella rilevazione del contesto associativo della sintassi linguistica espressa nelle verbalizzazioni - parole e silenzi - e nell'agire del soggetto), sia a livello diacronico (nella rilevazione del processo genetico riprodotto nell'hic-et-nunc della relazione analitica). Questo significa essenzialmente che la psicanalisi istituisce un legame particolare e specifico fra il visibile (ogni fatto osservabile nel comportamento umano, sia esso patologico o «normale») e l'invisibile (tutte le qualificazioni e le motivazioni inconsce del comportamento). In altri termini: la ricerca e la costruzione del non-detto a partire dal detto.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.