Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To find a specific quote…

PEP-Web Tip of the Day

Trying to find a specific quote? Go to the Search section, and write it using quotation marks in “Search for Words or Phrases in Context.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Wienand, U. (1992). Orlando Todarello, Piero Porcelli, Psicosomatica come paradosso: il rapporto corpomente come problema epistemologico di una psicosomatica psicoanalitica. Torino: Boringhieri, 1992; pp. 193, Lit. 28.000.. Psicoter. Sci. Um., 26(3):136-138.

(1992). Psicoterapia e Scienze Umane, 26(3):136-138

Orlando Todarello, Piero Porcelli, Psicosomatica come paradosso: il rapporto corpomente come problema epistemologico di una psicosomatica psicoanalitica. Torino: Boringhieri, 1992; pp. 193, Lit. 28.000.

Review by:
Ulrich Wienand

Il libro di Todarello e Porcelli propone in maniera approfondita ed aggiornata i nodi epistemologici legati alla psicosomatica, in particolare al problema «mente-corpo»; il libro esplora anche alcuni sentieri (più o meno accidentati, più o meno tortuosi) che, all'interno di questo paesaggio teorico e metateorico, erano o potranno essere percorsi dalla psicoanalisi. Nella letteratura specialistica in lingua italiana mancava, finora, una puntualizzazione del genere.

La prima parte del libro riprende, in forma ampliata, le tematiche di un saggio pubblicato su Psicoterapia e Scienze Umane e fornisce una enucleazione precisa del principale paradosso epistemologico: esiste un vasto campo di fenomeni, evidenti ed innegabili a livello clinico, per i quali non è possibile una descrizione corretta ed esaustiva né mediante il linguaggio delle scienze biologiche né mediante quello delle scienze psicologiche. Oltretutto, al momento attuale, non è neanche possibile definire questo campo con precisione tramite criteri positivi; per csempio, ogni volta che un medico chiede aiuto o consulenza ad uno psicoanalista per un problema psicosomatico, ciò avviene, nel peggiore dei casi, sulla base di una definizione per esclusione (esito negativo delle procedure medico-biologiche), nel migliore dei casi sulla base di una specie di contratto segreto, di una delega ampia e mal definita; affermare che «tutto è psicosomatico» non è certamente falso, ma equivale direttamente al «nulla è specificamente psicosomatico».

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.