Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To refine your search with the author’s first initial…

PEP-Web Tip of the Day

If you get a large number of results after searching for an article by a specific author, you can refine your search by adding the author’s first initial. For example, try writing “Freud, S.” in the Author box of the Search Tool.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(1992). Otto Rank, La nudità nella leggenda e nella poesia. Traduzione e cura di F. Marchioro. Milano: SugarCo, 1991, (ed. orig.: «Die Nacktheit in Sage und Dichtung», Imago, 1913), pp. 127, Lit. 12.000.. Psicoter. Sci. Um., 26(3):149.

(1992). Psicoterapia e Scienze Umane, 26(3):149

Otto Rank, La nudità nella leggenda e nella poesia. Traduzione e cura di F. Marchioro. Milano: SugarCo, 1991, (ed. orig.: «Die Nacktheit in Sage und Dichtung», Imago, 1913), pp. 127, Lit. 12.000.

È questo il settimo testo di O. Rank (1884-1939), a partire da L'artista (1986), e passando per Il trauma della nascita (1990), che Francesco Marchioro ha il merito di tradurre e/o curare per il lettore italiano. È così che anche noi possiamo partecipare al revival dell'affascinante opera di questo pioniere promosso negli Stati Uniti dal ponderoso volume (XXXIX + 485 pp.) dedicatogli nel 1985 da E.J. Lieberman, sulla scia dei due precedenti studi di J. Taft (1958), e di E. Menaker (1982), e secondo il quale non fu il precario equilibrio psichico a promuoverne il distacco da Freud, come Jones nella sua biografia aveva cercato di fare intendere, quanto piuttosto un problema di individuazione-separazione. Il presente, piccolo, contributo sulla nudità, da Rank esposto al congresso di Weimar del 1911, e poi pubblicato su Imago nel 1913, testimonia della grande originalità di questo trascurato pioniere: un vero maestro della psicoanalisi applicata all'arte e alla letteratura, di cui si occupava insieme ad H. Sachs. Arte e letteratura ci offrono la chiave della duplice fenomenologia a cui il tabù della nudità dà origine: «Le manifestazioni del piacere esibizionistico», e «Le espressioni del piacere di guardare» – le due parti in cui questa piccola opera è divisa. In sintesi nella leggenda e nella poesia troviamo ampie tracce della rimozione cui la sessualità soggiace nel passaggio dall'infanzia all'età adulta. (M.C.)

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.