Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see statistics of the Most Popular Journal Articles on PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Statistics of the Most Popular Journal Articles on PEP-Web can be reviewed at any time. Just click the “See full statistics” link located at the end of the Most Popular Journal Articles list in the PEP Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Mancini, A. (1996). SUL CONFINE TRA CIELO E TERRA. LA MELANCONIA NELL'ANTICHITĂ€. Psicoter. Sci. Um., 30(1):29-51.

(1996). Psicoterapia e Scienze Umane, 30(1):29-51

SUL CONFINE TRA CIELO E TERRA. LA MELANCONIA NELL'ANTICHITÀ

Antonella Mancini

Melanconia è una parola che in duemilacinquecento anni di storia si è caricata di contenuti ambigui e contraddittori, senza perdere un significato ben preciso. Essa appare all'alba del pensiero naturalistico greco a rappresentare in certo modo il peso delle sensazioni e delle passioni che dal corpo affiorano nella psiche: due concetti non antitetici che prendono forma nello stesso periodo. Ma le intuizioni cliniche della scuola di Cos si stemperano presto nella dottrina dei quattro umori (nell'uomo come nel cosmo), destinata a vita lunghissima e non particolarmente feconda. La metafisica sarà per secoli l'unica base non empirica della medicina. I medici si diranno filosofi per non essere assimilati ai lavoratori manuali, mentre, per rispondere alla crisi di identità e di valori dell'uomo antico, fra corpo e psiche si apre l'abisso metaforico di Platone e s'innalza la mediazione aristotelica.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.