Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To quickly return from a journal’s Table of Contents to the Table of Volumes…

PEP-Web Tip of the Day

You can return with one click from a journal’s Table of Contents (TOC) to the Table of Volumes simply by clicking on “Volume n” at the top of the TOC (where n is the volume number).

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Piacentini, T.C. (1996). Gaetano Benedetti, Maurizio Peciccia, Sogno, inconscio, psicosi. Prefazione di Filippo Maria Ferro. Chieti: Metis Editore, 1995, pp. 280, Lire 29.000.. Psicoter. Sci. Um., 30(2):127-130.

(1996). Psicoterapia e Scienze Umane, 30(2):127-130

RECENSIONI

Gaetano Benedetti, Maurizio Peciccia, Sogno, inconscio, psicosi. Prefazione di Filippo Maria Ferro. Chieti: Metis Editore, 1995, pp. 280, Lire 29.000.

Review by:
Teresa Corsi Piacentini

Il tema fondamentale che percorre questo testo è lo studio dell'inconscio umano attraverso l'indagine sul sogno e sulla psicopatologia della psicosi. La teorizzazione viene affiancata da entrambi gli Autori con l'esposizione della loro prassi terapeutica basata sull'incontro con il paziente mediato da vettori transizionali particolari quali il sogno e il disegno terapeutico. Nel primo capitolo del libro Benedetti si occupa del sogno e delle sue principali funzioni: la memorizzazione, la simbolizzazione e la confrontazione, a proposito delle quali viene messa in luce l'antinomia mente-corpo che ha da sempre attraversato la psichiatria e la psicologia. Nel confronto fra neurofisiologia e psicologia Benedetti dimostra come queste discipline siano destinate a percorrere strade parallele che non si possono unificare, ma che vanno considerate piuttosto come osservazioni e acquisizioni basate su strumenti e linguaggi diversi; a questo proposito Benedetti afferma: «Ciò che mettiamo in luce attraverso l'esame psicologico concerne la conoscenza da parte del soggetto del suo modo di esistere; quello che afferriamo attraverso l'esame neurofisiologico del sogno è invece il funzionamento del nostro cervello». A questo punto la riflessione di Benedetti prosegue mantenendosi solo sul versante psicologico del fenomeno onirico, a proposito del quale vengono messi in discussione tre concetti psicoanalitici esposti da Freud nell'interpretazione dei sogni, cioè l'affermazione che lo scenario manifesto del sogno è secondario rispetto al contenuto latente; che è possibile l'oggettivazione dei simboli indipendentemente dall'interpretazione soggettiva; e, infine, che il principio di piacere e il desiderio sono gli elementi promotori del sogno.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.