Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can request more content in your language…

PEP-Web Tip of the Day

Would you like more of PEP’s content in your own language? We encourage you to talk with your country’s Psychoanalytic Journals and tell them about PEP Web.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Mancini, A. (1996). Walter Vandereycken, Ron van Deth, Dalle sante ascetiche alle ragazze anoressiche. Il rifiuto del cibo nella storia. (Tit. orig. From Fasting Saints to Anorexic Girls. 1994). Trad. di Cristina Spinoglio. Milano: Cortina, 1995, Lit. 39.000.. Psicoter. Sci. Um., 30(2):136-137.

(1996). Psicoterapia e Scienze Umane, 30(2):136-137

Walter Vandereycken, Ron van Deth, Dalle sante ascetiche alle ragazze anoressiche. Il rifiuto del cibo nella storia. (Tit. orig. From Fasting Saints to Anorexic Girls. 1994). Trad. di Cristina Spinoglio. Milano: Cortina, 1995, Lit. 39.000.

Review by:
Antonella Mancini

Secondo quanto recita il sottotitolo italiano questo libro vuole essere una storia del rifiuto del cibo o, come preferiscono gli Autori, una «cronaca dell'inedia autoindotta». Il loro intento infatti non è quello di ricostruire il passato dell'anoressia nervosa, in quanto questa sarebbe una sindrome sorta a partire dalls''800, con connotati squisitamente moderni, oggi al crocevia tra moda e malattia. La tesi degli autori, psichiatra il primo psicologo il secondo, è che l'anoressia nervosa o mentale, al pari di altri disturbi psichiatrici, costituisca una sindrome culturale tipicamente occidentale, ad andamento quasi epidemico. Essa avrebbe trovato un ottimo brodo di coltura nella mentalità vittoriana (cap. 10) e dalla fine del secolo scorso è stata assoggettata a una medicalizzazione crescente (capp. 8 e 9). «Tale interpretazione riposa sull'associazione: bellezza femminile — culto del corpo — autocontrollo» (p. 285). Va da sé che gli autori si discostano da altri noti studiosi dei fenomeni di digiuno, come ad esempio Bell (1985), per il quale l'anoressia mentale coinciderebbe con le pratiche di astinenza assoluta dal cibo delle mistiche medievali, tra cui Caterina da Siena e Giovanna d'Arco. Vandereycken e van Deth sostengono che cause, significato e funzione dell'inedia autoindotta devono essere spiegati contestualmente alla realtà socio-culturale in cui si manifestano e non sulla base di disinvolte identificazioni tra comportamenti simili in superficie.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.