Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see papers related to the one you are viewing…

PEP-Web Tip of the Day

When there are articles or videos related to the one you are viewing, you will see a related papers icon next to the title, like this: RelatedPapers32Final3For example:

2015-11-06_09h28_31

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are related (including the current one). Related papers may be papers which are commentaries, responses to commentaries, erratum, and videos discussing the paper. Since they are not part of the original source material, they are added by PEP editorial staff, and may not be marked as such in every possible case.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(1996). Gabriella Ripa di Meana, Figure della leggerezza. Anoressia-Bulimia-Psicoanalisi. Roma: Casa Editrice Astrolabio - Ubaldini Editore, 1995; pp. 212, Lit. 34.000.. Psicoter. Sci. Um., 30(3):147.

(1996). Psicoterapia e Scienze Umane, 30(3):147

Gabriella Ripa di Meana, Figure della leggerezza. Anoressia-Bulimia-Psicoanalisi. Roma: Casa Editrice Astrolabio - Ubaldini Editore, 1995; pp. 212, Lit. 34.000.

I disturbi alimentari vengono trattati, esaminati e riletti alla luce del quadro teorico ispirato a Lacan. L'autrice è socia fondatrice della «Società Italiana per lo Studio dei disturbi Alimentari» e ha altresì contribuito alla fondazione dell'APLI (Associazione Psicanalitica Lacaniana Italiana). Il primo capitolo è dedicato all'anoressia e alla bulimia quali patologie «postmoderne», legate alla società del benessere e, in modo tutt'altro che lineare, alle correnti femministe. Successivamente, in questo tipo di patologie che definisce «dello specchio e dell'immagine», l'autrice passa a considerare «alcune categorie fondamentali della struttura immaginaria del soggetto». Nel farlo, prende spunto, con sistematicità, da spezzoni clinici di una casistica che comprende soggetti femminili, ma anche maschili. Si avvale inoltre dell'illustrazione di opere figurative (Magritte, La Tour, Bosch, e altri) e letterarie, le quali non vogliono venire proposte in una chiave di lettura psicoanalitica, bensì come esemplificazione di un «immaginario deviante». Figure come Lear, o il Bartleby di Melville, entrano emblematicamente coi loro enigmi nel quadro delle problematiche alimentari in ordine ai disturbi dell'identità. Nel nono capitolo l'autrice distingue quattro forme di anoressia: melanconica, feticista (o scissionale), isterica e ossessivo-compulsiva, per dedicare infine gli ultimi tre capitoli agli interrogativi e alle questioni poste dal trattamento di queste patologie. Completa il volume una bibliografia che, oltre ai testi classici della psicoanalisi su questi temi, riporta i contributi specifici di autori di orientamento lacaniano (A.M.).

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.