Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To access PEP-Web support…

PEP-Web Tip of the Day

If you click on the banner at the top of the website, you will be brought to the page for PEP-Web support.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Migliozzi, M. (2007). Piera Serra, Il giudice onorario minorile. Milano: FrancoAngeli, 2006, pp. 223, € 22,00. Psicoter. Sci. Um., 41(1):116-118.
  

(2007). Psicoterapia e Scienze Umane, 41(1):116-118

Piera Serra, Il giudice onorario minorile. Milano: FrancoAngeli, 2006, pp. 223, € 22,00

Review by:
Marco Migliozzi

È ben noto che la giustizia minorile si vale costantemente di consulenze psicologiche nonché mediche, pedagogiche e sociali. I provvedimenti del giudice della famiglia e dei minorenni sono, infatti, spesso preceduti da un'istruttoria eseguita dall'équipe psico-sociale del territorio o da una consulenza affidata ad uno psicologo o ad un neuropsichiatra; in alcuni casi (come nei procedimenti per l'adozione) il parere degli esperti è d'obbligo. Tuttavia, i giudici onorari minorili, pur essendo professionisti quali psicoterapeuti, assistenti sociali, educatori, pediatri impegnati nella giustizia minorile, non sono esperti chiamati ad offrire il proprio sapere al giudice: i giudici onorari sono essi stessi giudici. Il tribunale per i minorenni, istituito nel 1934, è un collegio composto di quattro giudici, due professionali e due onorari, che hanno gli stessi poteri e funzioni.

Il libro di Piera Serra descrive, per la prima volta, le complesse forme di un lavoro collegiale caratterizzato dalla dialettica alla pari tra diritto e scienze umane. Spiega inoltre come si declinano le competenze del giudice onorario quando, nel corso delle udienze, interagisce con il minore o con i suoi familiari: in quel caso gli è richiesto di utilizzare le conoscenze e l'esperienza della professione di provenienza senza tuttavia scivolare nel ruolo di consulente del giudice. In quest'analisi l'Autrice fa evidentemente riferimento alla propria esperienza di psicologa psicoterapeuta che, nel corso dei dieci anni in cui ha operato come giudice onorario minorile a Bologna, ha dovuto fare un faticoso lavoro di ri-contestualizzazione della propria identità professionale per adattarla ad un diverso modo di esprimerla ed esercitarla.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.