Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see who cited a particular article…

PEP-Web Tip of the Day

To see what papers cited a particular article, click on “[Who Cited This?] which can be found at the end of every article.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Donaggio, E. (2013). DISSONANZE DEL TOTALITARISMO. BANALITÀ DEL MALE O SERVITÙ VOLONTARIA?. Psicoter. Sci. Um., 47(2):239-254.

(2013). Psicoterapia e Scienze Umane, 47(2):239-254

DISSONANZE DEL TOTALITARISMO. BANALITÀ DEL MALE O SERVITÙ VOLONTARIA?

Enrico Donaggio

Come altre voci entrate a pieno titolo nel lessico intellettuale utilizzato per diagnosticare le patologie del totalitarismo, anche quella di “banalità del male” sembra conoscere una duplice deriva. Da un lato il ricorso a questa formula si è fatto sempre più inflazionato e ipertrofico. Dall'altro questa scoperta, scioccante e rivoluzionaria al momento della sua messa in circolo da parte di Hannah Arendt, si è più o meno definitivamente banalizzata. A fronte di questa situazione, l'articolo rilancia e tenta una risposta all'interrogativo: “Di cosa parliamo davvero quando parliamo di banalità del male?”. Cercando poi di individuare le relazioni che quella categoria stringe con una nozione per certi versi affine, per altri invece dissimile, ma altrettanto utile a una diagnosi filosofica del totalitarismo: la servitù volontaria.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.