Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can request more content in your language…

PEP-Web Tip of the Day

Would you like more of PEP’s content in your own language? We encourage you to talk with your country’s Psychoanalytic Journals and tell them about PEP Web.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Friedman, L. (2014). IL DISCRETO E IL CONTINUO: NEL SAGGIO DI FREUD RICORDARE, RIPETERE E RIELABORARE. Psicoter. Sci. Um., 48(2):221-244.

(2014). Psicoterapia e Scienze Umane, 48(2):221-244

IL DISCRETO E IL CONTINUO: NEL SAGGIO DI FREUD RICORDARE, RIPETERE E RIELABORARE

Lawrence Friedman

Ci sono due brani fondamentali in Ricordare, ripetere e rielaborare (Freud, 1913b) che chiedono all'analista di pensare contemporaneamente alla mente come composta di unità e come un continuum di attività. Benché ciò rappresenti un paradosso conturbante, il passaggio che illustra come l'analista identifichi ricordi discreti nel comportamento continuo del paziente è stato incorporato con facilità nella comune pratica psicoanalitica. Nella direzione inversa, invece, la descrizione del paziente che deve connettere le interpretazioni discrete dell'analista con la propria esperienza continua di tensione è stata molto spesso ignorata con disinvolta superficialità. Suggerisco qui una ragione pratica di questa trascuratezza.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.