Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To share an article on social media…

PEP-Web Tip of the Day

If you find an article or content on PEP-Web interesting, you can share it with others using the Social Media Button at the bottom of every page.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Meghnagi, D. (2014). IMMAGINI DELL'EBREO E DELL'ANTISEMITA NELL'UMORISMO EBRAICO. Psicoter. Sci. Um., 48(3):453-466.

(2014). Psicoterapia e Scienze Umane, 48(3):453-466

IMMAGINI DELL'EBREO E DELL'ANTISEMITA NELL'UMORISMO EBRAICO

David Meghnagi

Freud attribuiva all'umorismo e al motto di spirito (Wizt) un ruolo rilevante per la comprensione della vita culturale ebraica e del suo ethos. Nella pratica clinica ci si è interrogati sul significato dell'umorismo nei suoi aspetti difensivi e creativi, di allontanamento dell'ansia e di creazione di significati nuovi. L'analogia con i processi di creazione artistica e letteraria ha spinto in molti a parlare, nel caso dell'umorismo, della presenza di un processo terziario, distinto da quello primario e secondario. Attraverso l'analisi di alcune storielle ebraiche, viene proposta una riflessione sulle strategie dell'umorismo in risposta alle sfide poste all'esistenza ebraica. L'umorismo ebraico è articolato: non “censura” l'accusa, sembra “far sua” l'accusa. In realtà la depotenzia facendo scaturire significati nuovi che rendono l'accusa ridicola e aumentano la gamma delle conoscenze, invitando al pensiero complesso con effetti catartici e liberatori. L'analisi delle storielle diventa un viaggio nella storia e nella cultura ebraica.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.