Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To quickly return to the issue’s Table of Contents from an article…

PEP-Web Tip of the Day

You can go back to to the issue’s Table of Contents in one click by clicking on the article title in the article view. What’s more, it will take you to the specific place in the TOC where the article appears.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Peciccia, M. (2014). SOGNO E DISEGNO SPECULARE PROGRESSIVO TERAPEUTICO NELLA PSICOTERAPIA PSICOANALITICA DELLE PSICOSI. Psicoter. Sci. Um., 48(3):467-470.

(2014). Psicoterapia e Scienze Umane, 48(3):467-470

SOGNO E DISEGNO SPECULARE PROGRESSIVO TERAPEUTICO NELLA PSICOTERAPIA PSICOANALITICA DELLE PSICOSI

Maurizio Peciccia

Viene descritta una tecnica basata sul “disegno speculare progressivo” per la terapia psicodinamica delle psicosi, sviluppata da Gaetano Benedetti (1920-2013) e Maurizio Peciccia. In questa tecnica paziente e terapeuta tracciano contemporaneamente su due diversi fogli un disegno spontaneo, e in un secondo momento entrambi completano e trasformano il disegno dell'altro. Arte-terapeuta e paziente — ripetendo i medesimi gesti della mano, sviluppandoli nel dialogo grafico — entrano nel mondo dell'altro attraverso porte inconsce condivise e si aprono a una comunicazione precedentemente nascosta, come in un sogno. Questa tecnica è diversa dallo squiggle game di Winnicott, il quale tracciava uno scarabocchio che poi il bambino trasformava “facendone qualcosa”, e altre volte il bambino disegnava una forma che poi Winnicott sviluppava o completava.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.