Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To open articles without exiting the current webpage…

PEP-Web Tip of the Day

To open articles without exiting your current search or webpage, press Ctrl + Left Mouse Button while hovering over the desired link. It will open in a new Tab in your internet browser.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Maiullari, F. (2015). FOUCAULT E L'EDIPO RE: GENEALOGIA DI UN MALINTESO. Psicoter. Sci. Um., 49(3):377-394.

(2015). Psicoterapia e Scienze Umane, 49(3):377-394

FOUCAULT E L'EDIPO RE: GENEALOGIA DI UN MALINTESO

Franco Maiullari

Foucault e l'Edipo Re: genealogia di un malinteso. La tragedia di Edipo è la storia mitologica che ha maggiormente influenzato la cultura del Novecento, in particolare quella filosofica e psicologica. Ne hanno scritto ampiamente anche Foucault e Freud, sennonché entrambi si sono riferiti all'interpretazione tradizionale dell'Edipo Re - quella di origine aristotelica che considera Edipo autore involontario di parricidio e di incesto - la quale, però, a ben analizzare il testo, è un'interpretazione problematica. Dopo aver detto dell'uso improprio della tragedia fatta da Freud (Maiullari, 2011), in questo articolo viene analizzato l'uso altrettanto improprio che ne fa Foucault: in entrambi i casi la questione è di metodo, dato che nessuno dei due studiosi si cimenta con il testo prima di giungere a delle conclusioni. I due articoli si completano nel loro rinviarsi psicologico e filosofico e confermano la necessità di rispettare un testo, alla stregua del rispetto che si deve al testo di un paziente, se non si vuole incorrere in conclusione arbitrarie.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.