Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To search for a specific phrase…

PEP-Web Tip of the Day

Did you write an article’s title and the article did not appear in the search results? Or do you want to find a specific phrase within the article? Go to the Search section and write the title or phrase surrounded by quotations marks in the “Search for Words or Phrases in Context” area.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Marri, L.d. (2015). Andrea Castiello d'Antonio, Come, quando e perché la formazione non funziona. Cause e rimedi per una formazione utile e sostenibile. Milano: FrancoAngeli, 2014, pp. 218, € 29,00. Psicoter. Sci. Um., 49(4):677-678.

(2015). Psicoterapia e Scienze Umane, 49(4):677-678

Andrea Castiello d'Antonio, Come, quando e perché la formazione non funziona. Cause e rimedi per una formazione utile e sostenibile. Milano: FrancoAngeli, 2014, pp. 218, € 29,00

Review by:
Luciana d'Ambrosio Marri

Libri sui vantaggi della formazione e sui metodi “di successo” sono presenti in forza nello scenario editoriale dedicato all'apprendimento degli adulti nelle organizzazioni di lavoro. Al di là dei filoni di pensiero sulla formazione e al di là della manualistica in proposito, nella realtà della vita lavorativa e tra i professionisti della formazione i dubbi o le prassi disfunzionali, che accompagnano l'ottimismo ufficiale e talvolta “di facciata” sull'effettiva utilità delle attività formative, sono più diffusi di quanto sembrerebbe. Ecco dunque l'originalità che segna l'uscita di questo testo in cui l'Autore espone un'analisi su cause e rimedi riguardo ai processi formativi, per approdare a logiche che privilegino realmente una formazione utile e sostenibile (come recita il sottotitolo).

Il volume è articolato in quattro parti. Il punto di partenza è costituito da uno sguardo d'insieme sul mondo della formazione nell'ambito delle imprese private e del pubblico impiego, un mondo animato da una convegnistica non sempre di spessore e da slogan che rincorrono metafore “alla moda”, ma anche da ciò che Castiello d'Antonio definisce la “de-formazione” delle persone: frutto di approcci che caratterizzano quei “tuttologi” ampiamente presenti in ogni campo professionale. La seconda parte del testo è dedicata alla “formazione distruttiva”: sono qui focalizzate le principali cause dei fallimenti formativi in relazione alle fasi in cui si snoda il processo di formazione, dalla pianificazione fino all'influenza di particolari fenomeni quali il “bullismo d'aula”, che il lettore certamente riconoscerà come modo di vivere l'aula espresso da qualche collega “difficile” in qualità di partecipante al corso.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.