Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see the German word that Freud used to refer to a concept…

PEP-Web Tip of the Day

Want to know the exact German word that Freud used to refer to a psychoanalytic concept? Move your mouse over a paragraph while reading The Standard Edition of the Complete Psychological Works of Sigmund Freud and a window will emerge displaying the text in its original German version.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Marchesini, S. (2016). Guido Bertagna, Adolfo Ceretti & Claudia Mazzucato (a cura di), Il libro dell'incontro. Vittime e responsabili della lotta armata a confronto. Postfazione di Luigi Manconi & Stefano Anastasìa. Milano: Il Saggiatore, 2015, pp. 466, € 22,00. Psicoter. Sci. Um., 50(4):791-792.

(2016). Psicoterapia e Scienze Umane, 50(4):791-792

Guido Bertagna, Adolfo Ceretti & Claudia Mazzucato (a cura di), Il libro dell'incontro. Vittime e responsabili della lotta armata a confronto. Postfazione di Luigi Manconi & Stefano Anastasìa. Milano: Il Saggiatore, 2015, pp. 466, € 22,00

Review by:
Silvia Marchesini

Guido Bertagna, Adolfo Ceretti e Claudia Mazzucato (rispettivamente un gesuita, un criminologo e una docente di diritto penale) sono i curatori del testo qui presentato, interessante perché potrebbe aprire più ampi orizzonti di senso sulla storiografia della lotta armata negli anni 1970-80 in Italia. Il libro è il frutto di un lavoro durato anni nei quali i curatori, a partire dal 2009, hanno fatto incontrare alcune vittime o loro familiari e alcuni responsabili della lotta armata rappresentata dalle Brigate Rosse. Le persone coinvolte sono state circa sessanta, gli incontri continuativi e talvolta residenziali. I curatori hanno lavorato di propria iniziativa. Pochi erano stati messi al corrente di quanto avveniva negli incontri; fra questi, un gruppo di esponenti della società civile, testimoni, definiti dai curatori “Primi Terzi”, e un gruppo di autorevoli “garanti”, quali ad esempio Gherardo Colombo e Valerio Onida.

Ogni incontro ha avuto il significato di far ritrovare vittime e responsabili faccia a faccia. I protagonisti hanno avuto la possibilità di guardarsi, parlarsi, ascoltarsi o anche solo rimanere in silenzio. Le “voci” di queste persone costituiscono il cuore del libro. In alcuni casi non è stato possibile risalire a chi appartenessero perché volutamente anonime, in altri appaiono le firme, ad esempio di Agnese Moro, Adriana Faranda o Manlio Milani. Oltre a ciò, lo scritto è fatto di ricchi approfondimenti sulla metodologia utilizzata nella realizzazione degli incontri ed è avvalorato da una Postfazione di Luigi Manconi e Stefano Anastasìa.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.