Customer Service | Help | FAQ | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To share an article on social media…

PEP-Web Tip of the Day

If you find an article or content on PEP-Web interesting, you can share it with others using the Social Media Button at the bottom of every page.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Herzog, D. (2017). Le “guerre fredde” freudiane: cristianizzazione e desessualizzazione della psicoanalisi negli Stati Uniti del dopoguerra. Psicoter. Sci. Um., 51(1):25-60.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(1):25-60

Le “guerre fredde” freudiane: cristianizzazione e desessualizzazione della psicoanalisi negli Stati Uniti del dopoguerra

Dagmar Herzog

In nessun altro luogo e in nessun'altra epoca la psicoanalisi freudiana ha avuto maggior successo – e la psichiatria è stata più psicoanalitica – come negli Stati Uniti dei primi due decenni della guerra fredda. Era anche un periodo in cui la psicoanalisi era molto conservatrice, soprattutto riguardo alla sessualità. E questo non era dovuto al clima della guerra fredda, ma era un importante effetto collaterale di una guerra massiccia e molto pubblicizzata tra religione e psicoanalisi che ha caratterizzato in particolare gli anni 1947–1953. Nell'America del dopoguerra, la “scienza ebraica” della psicoanalisi andò incontro a un processo di “cristianizzazione”, e anche la religione venne “psicologizzata”. Inoltre, una profonda ambivalenza sullo statuto e sul significato stesso del concetto di libido era al centro di una serie di accese controversie e rivalità che determinarono la direzione che doveva poi prendere la psicoanalisi e la psichiatria.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2017, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.