Customer Service | Help | FAQ | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see Abram’s analysis of Winnicott’s theories…

PEP-Web Tip of the Day

In-depth analysis of Winnicott’s psychoanalytic theorization was conducted by Jan Abrams in her work The Language of Winnicott. You can access it directly by clicking here.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(2017). Casi clinici. Psicoter. Sci. Um., 51(1):133-142.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(1):133-142

Casi clinici

Casi clinici

Edited by:
Adriana Grotta, Ruggiero Lamantea e Paola Morra

Scopo di questa rubrica è quello di facilitare la verifica della coerenza tra prassi clinica e riferimento teorico, in modo che una particolare attenzione alle eventuali modifiche tecniche rispetto al riferimento teorico dichiarato e ai parametri introdotti nella situazione clinica possa evidenziare nodi teorici che richiedono ulteriore elaborazione e/o sistematizzazione. La rubrica è costituita da:

1.   Presentazione di un trattamento o di una situazione clinica secondo lo schema che l'autore riterrà più opportuno ai fini di esplicitare i propri riferimenti teorici (massimo 30.000 battute, spazi inclusi). La presentazione non dovrà contenere una rassegna della letteratura, né estesi approfondimenti teorici.

2.   Interventi dei curatori della rubrica o da essi sollecitati per la discussione del caso (massimo 10.000 battute, spazi inclusi).

3.   Interventi dei lettori e dibattito (massimo 6.000 battute, spazi inclusi). Chiuderà il dibattito un intervento dell'autore del caso clinico (massimo 10.000 battute, spazi inclusi).

Gli eventuali riferimenti bibliografici dovranno essere ridotti al minimo necessario e inseriti fra parentesi nel testo. Tutti i contributi vanno inviati come allegato per E-Mail a <AdriGrotta@yahoo.it>, <Ruggiero.Lamantea@ausl.re.it> e <Paola.Morra@gmail.com>. L'elenco di tutti i casi clinici pubblicati sulla rivista dal 1987 è alla pagina Internet http://www.psicoterapiaescienzeumane.it/casi-clinici.htm.

Il caso Matilde

Marta Angellini

Incontro

Della prima volta che vedo Matilde ricordo i suoi occhietti spaventati, tristi e sfuggenti, incorniciati da capelli biondi un po' spettinati, e il suo muoversi nella sala con passo incerto e con un equilibrio alquanto instabile. Mi evoca subito un'immagine di delicatezza e fragilità, che prende forma in un cagnolino, Spotty, dalla pelle così delicata e sottile che, colpito da un croccantino, ne rimane ferito perché questo gli trapassa la pelle.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2018, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.