Customer Service | Help | FAQ | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of this article…

PEP-Web Tip of the Day

When there are translations of the current article, you will see a flag/pennant icon next to the title, like this: 2015-11-06_11h14_24 For example:

2015-11-06_11h09_55

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are published translations of the current article.  Note that when no published translations are available, you can also translate an article on the fly using Google translate.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Marchesini, S. (2017). Valeria Babini (a cura di), Lasciatele vivere. Voci sulla violenza contro le donne (Contributi di Annarita Angelini, Marco Balboni, Fabrizio Battistelli, Remo Bodei, Marianna Bolko, Stefano Ciccone, Carlo Flamigni, Paola Govoni, Dacia Maraini, Lea Melandri, Daniela Minerva, Maura Misiti, Adriano Prosperi, Massimo Recalcati, Cecilia Robustelli, Maria Grazia Ruggerini, Milli Virgilio). Bologna: Pendragon, 2017, pp. 214, € 18,00. Psicoter. Sci. Um., 51(2):330-334.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(2):330-334

Valeria Babini (a cura di), Lasciatele vivere. Voci sulla violenza contro le donne (Contributi di Annarita Angelini, Marco Balboni, Fabrizio Battistelli, Remo Bodei, Marianna Bolko, Stefano Ciccone, Carlo Flamigni, Paola Govoni, Dacia Maraini, Lea Melandri, Daniela Minerva, Maura Misiti, Adriano Prosperi, Massimo Recalcati, Cecilia Robustelli, Maria Grazia Ruggerini, Milli Virgilio). Bologna: Pendragon, 2017, pp. 214, € 18,00

Review by:
Silvia Marchesini

«Per cambiare bisogna capire»: queste sono parole di Valeria Babini, curatrice del libro qui presentato. Il tema è la violenza contro le donne. Il volume è una raccolta di scritti che prende le mosse dal Seminario curricolare sulla violenza contro le donne organizzato dal Corso di Laurea in Filosofia dell'Università di Bologna negli anni accademici 2013-14, 2014-15 e 2015-16 (coordinatrice Annarita Angelini). L'idea del Seminario parte dalla convinzione che l'Università non debba essere solo luogo di trasmissione di saperi teorici ma anche centro di formazione per i cittadini. E la formazione degli individui passa anche attraverso la cultura del rispetto e dei diritti umani. In questo senso il progetto è il primo, e fino a questo momento unico, esempio in Italia a rappresentare una esperienza d'avanguardia. Si tratta di una sfida, oltre che di una analisi dell'odierna società con tutti i suoi cambiamenti culturali.

Le grandi domande sono: cosa fa scattare la violenza contro le donne? Possibile che sia trasversalmente e da sempre presente nella storia dell'umanità? La maggiore autonomia e determinazione della donna provoca insicurezza e violenza in persone fragili o con una personalità tendente alla paranoia? Questo dominio sul genere ha una

- 330 -

[This is a summary or excerpt from the full text of the article. PEP-Web provides full-text search of the complete articles for current and archive content, but only the abstracts are displayed for current content, due to contractual obligations with the journal publishers. For details on how to read the full text of 2014 and more current articles see the publishers official website here.]

Copyright © 2017, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.