Customer Service | Help | FAQ | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: Downloads should look similar to the originals…

PEP-Web Tip of the Day

Downloadable content in PDF and ePUB was designed to be read in a similar format to the original articles.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Campione, F. (2017). Lettera aperta a chi si occupa di morte e morire. Psicoter. Sci. Um., 51(3):452-456.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(3):452-456

Lettera aperta a chi si occupa di morte e morire

Francesco Campione

Le ragioni profonde della “rimozione della morte naturale” tendono nuovamente a imporsi. È necessaria la “mobilitazione culturale” di un pensiero creativo sulla morte che apra l'orizzonte al “colpo di genio” - così Nietzsche chiamava l'idea di Gesù per cui la morte è solo un sonno dal quale ci sveglieremo risorgendo - ormai necessario per non veder languire l'Umanità nella sua rinnovata impotenza verso la morte, o per trovare nuove vie per gestirla in un modo meno infantile di quello pur rispettosissimo consistente nel dominante cercare di non pensarci. L'alternativa consiste nel considerare la morte un mistero che trasforma tutte le nostre convinzioni e i nostri sentimenti in una “domanda”, accompagnata non solo dalle emozioni classiche (paura, angoscia e desiderio di morte) ma anche dalla emozione - di cui parlava Emmanuel Lévinas - verso “non si sa cosa” del mistero della morte, l'emozione nell'ignoto. Una domanda che vola alto rispetto a tutte le altre risposte sulla morte.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2018, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.