Customer Service | Help | FAQ | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see papers related to the one you are viewing…

PEP-Web Tip of the Day

When there are articles or videos related to the one you are viewing, you will see a related papers icon next to the title, like this: RelatedPapers32Final3For example:

2015-11-06_09h28_31

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are related (including the current one).  Related papers may be papers which are commentaries, responses to commentaries, erratum, and videos discussing the paper.  Since they are not part of the original source material, they are added by PEP editorial staff, and may not be marked as such in every possible case.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

d'Antonio, A.C. (2017). Elspeth Cameron Ritchie, Christopher H. Warner & Robert N. McLay (editors), Psychiatrists in Combat. Mental Health Clinicians' Experiences in the War Zone. Foreword by Robert N. McLay. Heidelberg: Springer, 2017, pp. XIX+221, $ 109.00. Psicoter. Sci. Um., 51(3):497-498.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(3):497-498

Elspeth Cameron Ritchie, Christopher H. Warner & Robert N. McLay (editors), Psychiatrists in Combat. Mental Health Clinicians' Experiences in the War Zone. Foreword by Robert N. McLay. Heidelberg: Springer, 2017, pp. XIX+221, $ 109.00

Review by:
Andrea Castiello d'Antonio

In questo originale volume sono raccolte ventidue esperienze professionali vissute da operatori della salute mentale (psichiatri) in zone di guerra a partire dal fatidico 11 settembre 2001 fino ad arrivare ai conflitti in Afghanistan. I resoconti pubblicati sono qualcosa di più di “casi clinici”, in quanto presentano sia l'aspetto professionale sia la dimensione umana e la situazione psicologica dello psichiatra che si è trovato a trattare soggetti traumatizzati o feriti, o è stato chiamato ad impegnarsi in attività limitrofe a quelle di pronto intervento, come il recupero e la riabilitazione dei militari. Oltre a ciò è considerata la questione dell'esercizio della psicoterapia in situazioni non solo di pericolo (per tutti, compresi gli psichiatri), ma nei confronti di soggetti comunque “legati” dal vincolo del servizio militare e destinati a rientrare al più presto nei ranghi operativi. In questo quadro sono considerati sia gli interventi psicoterapeutici sia quelli psicofarmacologici, con osservazioni dettagliate sulla reazione dei soggetti alle diverse fasi di terapia e riabilitazione. Un altro genere di testimonianza è quella che proviene da chi ha avuto modo di valutare i prigionieri detenuti in strutture carcerarie come Guantánamo Bay e la tristemente nota Abu Ghraib. Ma, al di là di quest'ultima area di esperienza, ciò che risalta è il doversi occupare della salute mentale di persone che sono state esposte (e che, presumibilmente, lo saranno ancora nel futuro) a eventi come l'uccidere i nemici, l'assistere alla morte o al ferimento di camerati che talvolta sono veri e propri amici, il soccorrere civili feriti, l'essere di aiuto ad altri medici e al personale delle basi militari in cui lo psichiatra presta il proprio servizio. Non va trascurato

- 497 -

[This is a summary or excerpt from the full text of the article. PEP-Web provides full-text search of the complete articles for current and archive content, but only the abstracts are displayed for current content, due to contractual obligations with the journal publishers. For details on how to read the full text of 2014 and more current articles see the publishers official website here.]

Copyright © 2017, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.