Customer Service | Help | FAQ | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To review the bibliography…

PEP-Web Tip of the Day

It is always useful to review an article’s bibliography and references to get a deeper understanding of the psychoanalytic concepts and theoretical framework in it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Marchesini, S. (2017). Antonio Maria Ferro & Giovanni Giusto (a cura di), Cibo e corpo negati. Anoressia e bulimia oggi. Milano: Bruno Mondadori, 2016, pp. 309, € 22,00. Psicoter. Sci. Um., 51(3):498-499.

(2017). Psicoterapia e Scienze Umane, 51(3):498-499

Antonio Maria Ferro & Giovanni Giusto (a cura di), Cibo e corpo negati. Anoressia e bulimia oggi. Milano: Bruno Mondadori, 2016, pp. 309, € 22,00

Review by:
Silvia Marchesini

Il cibo è più che un alimento: è l'essere nutriti prima e il nutrirsi e il nutrire poi. Il cibo racconta lo scambio tra l'uomo e la natura, la cultura, i sentimenti, i legami familiari e sociali. In questa prospettiva si muovono i curatori del volume qui presentato, ritenendo i disturbi del comportamento alimentare forme espressive della sofferenza psichica, che può palesarsi già in giovane età, per il genere femminile, e oggi anche maschile. I curatori del libro sono Antonio Maria Ferro - Direttore per i disturbi del comportamento alimentare (DCA) presso Villa del Principe di Genova e membro della Società Gruppo-Analitica Italiana (SGAI) - e Giovanni Giusto - Direttore Scientifico e Sanitario del Gruppo Redancia e docente alla Facoltà di Medicina dell'Università di Genova. Il testo indaga il problema dei disturbi alimentari in 21 capitoli, attraverso il contributo di numerosi autori impegnati quotidianamente nella loro cura. Si tratta della messa a frutto di una serie di seminari che il Gruppo Redancia, diretto da Giovanni Giusto, ha organizzato negli ultimi anni. Convinti che per capire il fenomeno occorra guardarlo da più angolature, i curatori propongono una riflessione e un confronto di esperienze che spaziano in più ambiti disciplinari. Alle letture più strettamente mediche vengono pertanto affiancate quelle psicologiche e antropologiche, senza trascurare la prospettiva storica e persino religiosa. Il fine è quello di restituire un quadro multiculturale sui disturbi alimentari evidenziandone la complessità.

- 498 -

[This is a summary or excerpt from the full text of the article. PEP-Web provides full-text search of the complete articles for current and archive content, but only the abstracts are displayed for current content, due to contractual obligations with the journal publishers. For details on how to read the full text of 2014 and more current articles see the publishers official website here.]

Copyright © 2017, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.