Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To view citations for the most cited journals…

PEP-Web Tip of the Day

Statistics of the number of citations for the Most Cited Journal Articles on PEP Web can be reviewed by clicking on the “See full statistics…” link located at the end of the Most Cited Journal Articles list in the PEP tab.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Porcelli, P. (2019). Antonio Damasio, The Strange Order of Things. New York: Pantheon, 2018, pp. 310, $ 28.95 (trad. it.: Lo strano ordine delle cose. Trad. di Silvio Ferraresi. Milano: Adelphi, 2018, pp. 352, € 29,00). Psicoter. Sci. Um., 53(1):163-170.

(2019). Psicoterapia e Scienze Umane, 53(1):163-170

Recensione-saggio

Antonio Damasio, The Strange Order of Things. New York: Pantheon, 2018, pp. 310, $ 28.95 (trad. it.: Lo strano ordine delle cose. Trad. di Silvio Ferraresi. Milano: Adelphi, 2018, pp. 352, € 29,00)

Review by:
Piero Porcelli

In Collaboration with:
Andrea Castiello d'Antonio, Davide Cavagna, Gioele P. Cima, Antonella Mancini, Silvia Marchesini, Paola Morra e Francesca Tondi

Ogni nuovo libro di Damasio diventa ormai un evento, sia per la statura dell'Autore che per la sua notorietà proiettata oltre i limiti degli specialismi che ne fa un personaggio dello star system culturale. È sufficiente cercare su Internet per accorgersi del numero di recensioni e di interviste su YouTube che stanno proliferando attorno alla sua nuova fatica editoriale. L'opera di Damasio si inserisce in un ambito scientifico che, per sua natura, travalica i confini tradizionali delle scienze codificate (ne parleremo più avanti) e che si può definire collettivamente come affective neuroscience, come viene etichettato oggi prendendo a prestito il termine coniato da Jaak Panksepp, prematuramente scomparso lo scorso anno. Per quanto possano apparire simili, le affective neuroscience sono molto, e per certi versi radicalmente, diverse dalle neuroscienze. Queste ultime si occupano sostanzialmente del rapporto fra strutture cerebrali e funzioni cognitive, ed esplorano i circuiti cerebrali partendo dall'assunto che la mente è un correlato o anche semplicemente un prodotto del cervello. Le affective neuroscienze si occupano invece di ciò che nel Novecento è stato il campo monopolizzato dalla psicoanalisi: gli affetti, le emozioni, i comportamenti determinati dall'attivazione emotiva. Il loro assunto di base è quindi distante dalle neuroscienze cognitive: il cervello viene qui concepito come un organo che regola l'attività complessiva dell'organismo e che media fra individuo e ambiente. Ne deriva che per i neuroscienziati affettivi la mente riguarda non il cervello ma il corpo intero, i pensieri presuppongono necessariamente le emozioni e le emozioni sono sostanzialmente ciò che io so del mio corpo. Lo so in un modo particolare: non perché lo osservo ma perché lo sento e lo vivo.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.