Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To save articles in ePub format for your eBook reader…

PEP-Web Tip of the Day

To save an article in ePub format, look for the ePub reader icon above all articles for logged in users, and click it to quickly save the article, which is automatically downloaded to your computer or device. (There may be times when due to font sizes and other original formatting, the page may overflow onto a second page.).

You can also easily save to PDF format, a journal like printed format.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Mancini, A. (2019). Frieda Fromm-Reichmann, Princìpi di psicoterapia. Trad. di Laura Schwarz. Milano: Feltrinelli, 1962, pp. 267 (ediz. orig.: Principles of Intensive Psychotherapy. Chicago, IL: University of Chicago Press, 1950)Hilde Bruch, Apprendere la psicoterapia. Trad. di Marina Crespo. Torino: Boringhieri, 1979, pp. 150 (ediz. orig.: Learning Psychotherapy. Cambridge, MA: Harvard University Press, 1974). Psicoter. Sci. Um., 53(1):176-179.

(2019). Psicoterapia e Scienze Umane, 53(1):176-179

Libri dimenticati

Frieda Fromm-Reichmann, Princìpi di psicoterapia. Trad. di Laura Schwarz. Milano: Feltrinelli, 1962, pp. 267 (ediz. orig.: Principles of Intensive Psychotherapy. Chicago, IL: University of Chicago Press, 1950)Hilde Bruch, Apprendere la psicoterapia. Trad. di Marina Crespo. Torino: Boringhieri, 1979, pp. 150 (ediz. orig.: Learning Psychotherapy. Cambridge, MA: Harvard University Press, 1974)

Review by:
Antonella Mancini

Chi oggi volesse avventurarsi nella carriera di psicoanalista non avrebbe che l'imbarazzo della scelta fra i diversi testi teorici e di teoria della tecnica pronti ad arricchire la sua formazione. L'editoria offre infatti un ampio ventaglio di disponibilità in cui non è facile orientarsi. Viene perciò naturale rivolgersi alle pubblicazioni “di indirizzo” suggerite dai docenti della propria scuola, dal momento che l'aspirante analista difficilmente riuscirebbe a trovare il tempo, e forse anche la voglia, per l'esplorazione di ulteriori sentieri. E comprensibilmente. Dispiace, tuttavia, constatare che si legge sempre meno Freud (o Jung, o la Klein o altro autore classico) e sempre più “che cosa ha veramente detto Freud” (o Jung o la Klein o altro autore classico). La proliferazione di manuali e compendi, se da un lato offre la possibilità di mettere a confronto scuole e linee di pensiero diverse (il tanto citato quanto equivoco “pluralismo”), dall'altro può influire negativamente ancorando il giovane candidato a una visione unilaterale e acritica, dove è facile smarrire la prospettiva storica in cui collocare teorie e tecniche psicoterapeutiche al fine di meglio padroneggiarle. Dietro problemi apparentemente distanti fra loro, ecco riaffacciarsi, da un punto di vista insolito, la questione della formazione dei candidati e, a ruota, quella della trasmissione del sapere psicoanalitico.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.