Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To search for a specific phrase…

PEP-Web Tip of the Day

Did you write an article’s title and the article did not appear in the search results? Or do you want to find a specific phrase within the article? Go to the Search section and write the title or phrase surrounded by quotations marks in the “Search for Words or Phrases in Context” area.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Tondi, F. (2019). Elliot L. Jurist, Tenere a mente le emozioni. La mentalizzazione in psicoterapia. Trad. di Marianna Liotti. Milano: Raffaello Cortina, 2018, pp. 254, € 25,00 (ediz. orig.: Minding Emotions: Cultivating Mentalization in Psychotherapy. New York: Guilford, 2018). Psicoter. Sci. Um., 53(1):181-182.

(2019). Psicoterapia e Scienze Umane, 53(1):181-182

Elliot L. Jurist, Tenere a mente le emozioni. La mentalizzazione in psicoterapia. Trad. di Marianna Liotti. Milano: Raffaello Cortina, 2018, pp. 254, € 25,00 (ediz. orig.: Minding Emotions: Cultivating Mentalization in Psychotherapy. New York: Guilford, 2018)

Review by:
Francesca Tondi

Elliot L. Jurist insegna Psicologia e Filosofia al Graduate Center della City University of New York (CUNY). Coautore con Peter Fonagy, Mary Target e György Gergely dell'importante volume del 2002 Regolazione affettiva, mentalizzazione e sviluppo del Sé (Milano: Raffaello Cortina, 2004), in Tenere a mente le emozioni amplia e approfondisce alcune idee presentate nell'articolo “Mentalized affectivity” (Affettività mentalizzata) pubblicato nel n. 3/2005 di Psychoanalytic Psychology (la rivista di cui era direttore). A partire dalla descrizione delle “emozioni aporetiche”, caratterizzate dalla difficoltà a capire cosa si prova, che sostano in noi come stati mentali oscuri o confusi, vicini ai “sentimenti primordiali” descritti da Damasio (emergenti dal monitoraggio cerebrale degli stati corporei, precedenti altre emozioni specifiche e con valenza piacevole o dolorosa) (p. 27), l'Autore ci propone un viaggio nel regno dell'affettività mentalizzata, o mentalizzazione emotiva, ovvero l'abilità di sentire appieno utilizzando le nostre emozioni, di identificarle, modularle ed esprimerle; in definitiva, l'espressione “affettività mentalizzata” descriverebbe la capacità di comprendere i nostri sentimenti attraverso la storia e la memoria personale (p. 17).

Il volume si divide in due parti. La prima è composta da tre capitoli che affrontano: (I) la difficile abilità di identificare le emozioni; (II) l'arte della modulazione emotiva, con una interessante visione critica del concetto di “regolazione” (a cui si preferisce appunto quello di “modulazione”), le cui fondamenta sociali, culturali e politiche sembrano coincidere con l'ascesa del neoliberismo per l'enfasi data a comportamenti di socializzazione e autodisciplina, considerati adattivi in determinati ambienti educativi (p.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.