Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To sort articles by Rank…

PEP-Web Tip of the Day

You can specify Rank as the sort order when searching (it’s the default) which will put the articles which best matched your search on the top, and the complete results in descending relevance to your search. This feature is useful for finding the most important articles on a specific topic.

You can also change the sort order of results by selecting rank at the top of the search results pane after you perform a search. Note that rank order after a search only ranks up to 1000 maximum results that were returned; specifying rank in the search dialog ranks all possibilities before choosing the final 1000 (or less) to return.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Inglese, S. (2019). Françoise Sironi, Comment devient-on tortionnaire? Psychologie des criminels contre l'humanité. Paris: Éditions La Découverte, 2017, pp. 758, € 28,00. Psicoter. Sci. Um., 53(3):515-525.

(2019). Psicoterapia e Scienze Umane, 53(3):515-525

Recensione-saggio: Per una clinica dei torturatori seriali

Françoise Sironi, Comment devient-on tortionnaire? Psychologie des criminels contre l'humanité. Paris: Éditions La Découverte, 2017, pp. 758, € 28,00

Review by:
Salvatore Inglese

In Collaboration with:
Luigi Antonello Armando, Natale Calderaro, Andrea Castiello d'Antonio, Gioele P. Cima, Salvatore Inglese, Antonella Mancini e Silvia Marchesini

Questo volume di circa 800 pagine dispiega una tesi generale: il torturatore professionale al servizio di un'entità politica sovrana (Stato) è il prodotto specifico di una fabbricazione tecnica. Un soggetto tanto particolare presta le proprie capacità operative al sistema di dominio a cui appartiene, che lo genera per mezzo di una miscela dove si riversano processi sociali, formazione ideologica, addestramento tecnico e influenzamento psicologico. Tesi ulteriore del libro: identità e funzione del torturatore non sono espressioni naturali della mente, ma l'esito della costruzione di un essere umano (antropopoiesi) secondo un progetto onnisciente e onnipotente (totalitario), intenzionato a creare una società originale costruendo, innanzitutto, un Uomo nuovo. Per attualizzare questo fine strumentale, ogni Stato totalitario conserva e abilita in qualche punto, ufficiale o segreto, della sua architettura la tortura autorizzata, sistematica, tecnicamente aggiornata che sopravanza gli scopi dell'opera sadica (si ricordino le sequenze pasoliniane di Salò o le 120 giornate di Sodoma [1975]). Nella pratica dei torturatori precipita il punto operativo ideale di una forma-uomo creato a immagine e somiglianza del sistema (uomo-sistema) che preconizza, giustifica e autorizza l'esecuzione disciplinare della tortura su altri uomini preliminarmente o progressivamente deumanizzati (bersagli vittimari; Agamben, 1995).

L'Autrice

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.