Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To refine your search with the author’s first initial…

PEP-Web Tip of the Day

If you get a large number of results after searching for an article by a specific author, you can refine your search by adding the author’s first initial. For example, try writing “Freud, S.” in the Author box of the Search Tool.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Morra, M. (1967). Psicoterapie brevi ambulatoriali (Principi teorici ed esperienze pratiche). Rivista Psicoanal., 13(1):62-70.

(1967). Rivista di Psicoanalisi, 13(1):62-70

Psicoterapie brevi ambulatoriali (Principi teorici ed esperienze pratiche)

Mauro Morra

Il trattamento psicoanalitico classico è attualmente, ed è prevedibile che sia così ancora per molto tempo, un trattamento aristocratico, un trattamento cioè in cui il medico sceglie i suoi pazienti sulla base più di una sua valutazione soggettiva che di un effettivo bisogno del malato. E questo non solo sulla base ovvia dell'onere di denaro e di tempo del trattamento stesso (che fa sì che la maggioranza di nevrotici di tutta la popolazione non possa curarsi) ma anche degli stessi limiti delle indicazioni al trattamento psicoanalitico. È indubbio che il progredire della tecnica psicoanalitica tende a restringere il campo delle controindicazioni; ma è altrettanto indubbio che un numero notevole di malati che si presentano spontaneamente oppure sono inviati per un trattamento psicoanalitico vengono rifiutati perché lo psicoanalista, sulla base della sua dottrina e della sua intuizione, non li “sente” adatti a sopportare il trattamento in questione e prevede una sollecita fuga o un'analisi interminabile. Ebbene, che cosa si fa di tutti gli esclusi? Sono persone che soffrono e che noi, medici, dobbiamo cercare, se possibile, di aiutare. L'esperienza in questo caso è venuta prima della teoria. Non è stata la psicoanalisi ad inventare la psicoterapia, che, sotto nomi vari o anche senza nessun nome, è sempre esistita. Solo che la psicoanalisi ha aiutato a comprendere meglio quello che avviene nelle situazioni psicoterapeutiche e ha dato un suo contributo alla elaborazione di una tecnica psicoterapeutica che resta, nonostante ciò, qualcosa di molto diverso dalla tecnica psicoanalitica.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.