Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can access over 100 digitized books…

PEP-Web Tip of the Day

Did you know that currently we have more than 100 digitized books available for you to read? You can find them in the Books Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Dosuzkov, T. (1967). Due casi di ereutofobia : (Analisi delle loro differenze). Rivista Psicoanal., 13(2):175-195.
    

(1967). Rivista di Psicoanalisi, 13(2):175-195

Due casi di ereutofobia : (Analisi delle loro differenze)

Theodor Dosuzkov

L'ereutofobia è una psiconevrosi ricca d'interesse. Essa ci mostra in effetti certi meccanismi dell'isteria e della nevrosi ossessiva. Il posto di questa psiconevrosi tra le malattie mentali non è stato fino ad oggi esattamente definito. Dato che la medicina procede principalmente nella esperienza delle osservazioni cliniche, noi cominceremo da queste per tentare di risolvere in seguito alcuni dei problemi che l'ereutofobia comporta. Nel lavoro introduttivo che presentiamo qui faremo l'analisi di due casi che abbiamo osservato mostrandone sia i tratti similari come i tratti differenti. Faremo in seguito una rassegna dei casi di ereutofobia già conosciuti nella letteratura psicoanalitica e ricorderemo le ipotesi e le teorie proposte da qualche Autore.

PRIMO CASO

Nel 1939, un malato si rivolge a noi per delle difficoltà antropo-fobiche. Si tratta di un elettricista di 28 anni, celibe, di nome Gianni. La sintomatologia consiste in un rossore con timore ansioso di arrossire, che risale all'età di 18 anni e si manifesta soprattutto in presenza di donne. Sintomi dismorfici: impressione di piccolezza del proprio pene, timore di impotenza sessuale, sentimenti d'inferiorità, timidezza eccessiva, incapacità di avere dei legami sentimentali (rapporti sessuali esclusivamente con delle prostitute). Anche le relazioni sociali sono difettose. Nulle le relazioni amicali: il paziente non frequenta amici né compagni. Egli è coscienzioso ed esatto nel suo lavoro, ma tuttavia ha il sentimento di non riuscire a svolgerlo bene. I rapporti con il suo superiore sono assai ambivalenti.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.