Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To review the bibliography…

PEP-Web Tip of the Day

It is always useful to review an article’s bibliography and references to get a deeper understanding of the psychoanalytic concepts and theoretical framework in it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Geleerd, E.R. (1969). Introduzione al “Panel” sulla psicoanalisi infantile: La fase di separazione-individuazione: esame diretto e ricostruzione analitica. Rivista Psicoanal., 15(1):165-171.

(1969). Rivista di Psicoanalisi, 15(1):165-171

Introduzione al “Panel” sulla psicoanalisi infantile: La fase di separazione-individuazione: esame diretto e ricostruzione analitica

Elisabeth R. Geleerd

Nell'opera di Freud L'interpretazione dei sogni, è ravvisabile il primo esauriente studio psicoanalitico sul modo in cui funziona la nostra mente. L'aumento progressivo dei dati clinici (Benedek 1938, Fries 1946, Hartmann, Kris e Loewenstein 1946, Klein 1948, Ribble 1943, ecc.) ci ha permesso di conoscere meglio le varie influenze che lo sviluppo psichico subisce durante le prime epoche di vita, onde maggiormente è stato avvertito il bisogno di sottoporre le prime fasi del bambino ad un esame diretto eseguito da persone qualificate da un'esperienza psicoanalitica. Se è vero che l'analisi infantile ha migliorato le nostre conoscenze e ha sostanzialmente confermato le ricostruzioni e le ipotesi formulate sull'andamento delle fasi postverbali, rimane tuttavia la necessità, per quelle preverbali, di un esame diretto che ci ponga in grado di verificare le ipotesi già affacciate o di elaborarne delle nuove.

Nel Masters Children's Centre, Margaret Mahler ha istituito un programma di ricerche allo scopo di effettuare questo tipo di indagine: in tal modo ella ha la possibilità di osservare le coppie madre-bambino e di studiare e curare i bambini psicotici. I risultati di questo lavoro le hanno permesso (1952, 1955) di distinguere il bambino autistico da quello simbiotico; è soprattutto sul secondo che si è soffermato il suo interesse, dato che si tratta di bambini incapaci di sopravvivere se non si trovano in contatto fisico con la madre o col suo sostituto; il bambino autistico non ha invece raggiunto questo tipo di relazione oggettuale. Gli studi successivi l'hanno poi spinta a concludere che il bambino simbiotico si trova arrestato ad una fase che è presente nello sviluppo di ogni bambino.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.