Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can access over 100 digitized books…

PEP-Web Tip of the Day

Did you know that currently we have more than 100 digitized books available for you to read? You can find them in the Books Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Morra, M. (1983). “Week-end conference” della Società Psicoanalitica inglese e meeting commemorativo del centenario di Melanie Klein. Rivista Psicoanal., 29(2):275-278.

(1983). Rivista di Psicoanalisi, 29(2):275-278

“Week-end conference” della Società Psicoanalitica inglese e meeting commemorativo del centenario di Melanie Klein

Mauro Morra

Nei giorni 1-3 Ottobre 1982 si è tenuta a Londra la “Weekend conference della società psicoanalitica inglese” avente per tema, quest'anno, “Al di là delle parole, all'interno della relazione analitica”, ed il meeting commemorativo del centenario di Melanie Klein. Vi sono state quattro relazioni, una lettura commemorativa della vita di Melanie Klein, in seno alla società inglese soprattutto, da parte di Mrs. Pearl King, neoeletta presidente della società inglese, ed un lavoro di Hanna Segal sull'opera di Melanie Klein. Molti i partecipanti provenienti da tutte le società europee, compresi alcuni paesi socialisti (Polonia ed Ungheria) e da alcuni paesi americani, Stati Uniti e Canada. Molti sono stati gli interventi nella discussione delle relazioni dei quali però qui non posso dare un resoconto.

Ha aperto i lavori Edna O Shaughnessy con uno scritto intitolato “Il distacco delle parole dall'esperienza, alcuni problemi analitici”. L'autrice porta due casi clinici, nel primo dei quali il paziente parla in modo piatto, asciutto monotono e cerca di controllare le interpretazioni dell'analista per mantenere l'analisi ad un livello emozionale minimo, evitando così l'ansia che si scatenerebbe se avvenisse la presa di contatto con le sue parti più profonde e più cariche di emozioni. Al contrario il secondo paziente enfatizza, “erotizza” la sua comunicazione verbale ed il transfert, per non entrare in una relazione profonda, e perciò ansiogena, con l'analista. In ambedue i casi, dice la relatrice, c'è il tentativo di usare le parole per difendersi dalle vere emozioni ed il lavoro analitico deve dunque interpretare ciò che non è verbalizzato per riportarlo nelle comunicazioni dei pazienti.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.