Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can request more content in your language…

PEP-Web Tip of the Day

Would you like more of PEP’s content in your own language? We encourage you to talk with your country’s Psychoanalytic Journals and tell them about PEP Web.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Merendino, R.P. (1983). Sul “romanzo familiare” in Freud. Rivista Psicoanal., 29(4):559-562.
   

(1983). Rivista di Psicoanalisi, 29(4):559-562

Sul “romanzo familiare” in Freud

R. P. Merendino

La mia decisione di non tradurre Der Familienromancon Il romanzo familiare è dovuta a ragioni puramente psicoanalitiche. La dicitura Il romanzo familiare avrebbe infatti potuto suggerire al lettore italiano non psicoanalista l'idea che M. Klein (e Freud prima di lei) si riferissero ad un genere letterario preciso (ted. literarische Gattung), canonico alla pari, per esempio, del romanzo storico, del romanzo epistolare, del romanzo d'amore, del romanzo borghese ed altro. Un genere letterario relativo a Familienroman però non esiste neppure nella tradizione di lingua tedesca, anche se dal 1853 al 1880 circa fu pubblicato e trovò ampia diffusione un periodico dal titolo Die Gartenlaube. Familienzeitschrift (Il pergolato. Un periodico per la famiglia) che conteneva prevalentemente racconti su bambini e adolescenti e sui loro conflitti psichici con i genitori. A questa rivista collaborarono scrittori del calibro di Fontane, Storm, Raabe ed altri. Essa fu conosciuta da Thomas Mann che, a giudizio di alcuni critici, vi si ispirò per la problematica di alcuni suoi romanzi. Anche Freud dovette esserne a conoscenza e non è improbabile che l'espressione Familienroman gli sia stata suggerita dalla lettura di questa rivista.

Il termine Roman ha invece nell'espressione Familienroman soprattutto il significato di “storia romanzata”, “racconto inverosimile”, “costruzione fantastica”. Questa accezione è poi quella più corrente nel gergo quotidiano (“mach’ dock keinen Roman davon!” “non costruirci su un romanzo!”).

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.