Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To access “The Standard Edition” of Freud’s work…

PEP-Web Tip of the Day

You can directly access Strachey’s The Standard Edition of the Complete Psychological Works of Sigmund Freud through the Books tab on the left side of the PEP-Web screen.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

De Masi, F. (1989). A.A. Semi (a cura di). Trattato di psicoanalisi. Volume I. Teoria e Tecnica. Cortina, Milano, 1988, pagg. 913, lire 85.000.. Rivista Psicoanal., 35(4):1103-1127.
    

(1989). Rivista di Psicoanalisi, 35(4):1103-1127

RECENSIONI

A.A. Semi (a cura di). Trattato di psicoanalisi. Volume I. Teoria e Tecnica. Cortina, Milano, 1988, pagg. 913, lire 85.000. Language Translation

Review by:
Franco De Masi

Poiché non mi credo capace di stendere una recensione esauriente di un'opera così impegnativa, vasta e multifocale e mi vanto di essere amico del curatore e di molti dei coautori, mi sento un lettore alquanto parziale. Per questo ho accettato di scrivere qualche riflessione su questo Trattato, senza alcuna pretesa di fornire una recensione. Con ciò mi sento intonato con il taglio personale e aperto ad ambivalenze e contraddizioni -possibilmente consapevoli — che sono una caratteristica del nostro lavoro e costituiscono una bandiera del programma di Semi.

Dunque non tenterò nemmeno di costruire una critica organica, ma seguirò, come più mi è congeniale, le mie impressioni di lettore addetto ai lavori, ma non erudito.

La copertina a prima vista è molto gradevole. Osservandola meglio, peggiora. Il titolo di copertina sembra marrone (colore manifesto) derivato dalla combinazione del sanguigno (latente) su carta da zucchero che ne è lo sfondo. Al centro sta una vignetta con enigmi multipli: una sfingedipo stile art nouveau, arte assai pre-edipica, del greco maiuscolo, ma così piccolo che ci vuole la lente, e tutto attorno in rilievo sei spirali (ahi!), o meglio spiraliformi sezioni di ammoniti. A parte Quino, i grafici (in buon italiano: designers) devono ancora trovare il modo per illustrare la nostra materia. Sempre nel frontespizio, in luogo dei fossili, avrei preferito vedere il titolo sorretto da due solide colonne di nomi: quello del curatore assieme a tutti gli autori. Immagino che il design sarebbe apparso diverso: il contenuto avrebbe avuto più importanza dell'apparenza. Ma la psicoanalisi ha bisogno di vestirsi dallo stilista? La preferisco nuda.

Voglio chiarire che, dopo la storica opera di Boringhieri, considero Raffaello Cortina l'editore che in Italia ha pubblicato il meglio della psicoanalisi e che ammiro la sua linea editoriale. La mia è una vecchia discussione con gli stilisti.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.