Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To save a shortcut to an article to your desktop…

PEP-Web Tip of the Day

The way you save a shortcut to an article on your desktop depends on what internet browser (and device) you are using.

  • Safari
  • Chrome
  • Internet Explorer
  • Opera

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Petrella, F. (1990). L'archeologia analitica nell'ultimo Freud. Rivista Psicoanal., 36(4):957-971.

(1990). Rivista di Psicoanalisi, 36(4):957-971

L'archeologia analitica nell'ultimo Freud Language Translation

Fausto Petrella

Un discorso sugli esiti del pensiero freudiano e sulle posizioni teoriche e cliniche maturate sul finire della sua lunga esistenza non potrebbe a rigore essere contenuto in poche pagine . Tanto più che la prospettiva che abbiamo oggi sull'opera di Freud non permette di limitarsi all'idea di un pensiero solo progressivo, che si sviluppa linearmente accumulando scoperta dopo scoperta: prima la significatività dei sogni, l'inconscio e la sessualità infantile, il narcisismo, e poi la seconda topica, la pulsione di morte, la scissione dell'io, eccetera.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.