Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To share an article on social media…

PEP-Web Tip of the Day

If you find an article or content on PEP-Web interesting, you can share it with others using the Social Media Button at the bottom of every page.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Ferrero, M.G. Perini, M. (1992). Carlo Ferraris. Rivista Psicoanal., 38(4):1165-1167.

(1992). Rivista di Psicoanalisi, 38(4):1165-1167

NECROLOGI

Carlo Ferraris Language Translation

Mario G. Ferrero e Mario Perini

Nel mese di giugno del corrente anno è prematuramente mancato il collega Carlo Ferraris. Egli fu uno dei primi analisti ad esercitare la psicoanalisi a Torino, in tempi in cui gli ambienti culturali ed accademici della città apparivano piuttosto ostili nei confronti del pensiero di Freud. Il suo modo di intendere il lavoro psicoanalitico gli creò anche qualche incomprensione con i colleghi. Malgrado ciò, come era nel suo carattere, egli seppe dare un generoso contributo allo sviluppo della psicoanalisi in Piemonte. Alessandrino di origine e con una solida esperienza psichiatrica maturata in campo istituzionale, si avvicinò alla psicoanalisi alla ricerca di un modello capace di offrire nuove possibilità di aiuto e di comprensione alla sofferenza mentale. E, in anni in cui si discuteva se la psicoanalisi costituisse un momento di conoscenza o un mezzo di cura, egli non ebbe mai dubbi che la strada da seguire fosse la seconda. L'interesse per il paziente psicotico fu una costante della sua attività clinica e scientifica, un segno distintivo e caratterizzante la sua presenza nel gruppo torinese.

Negli anni '80 si era un po' appartato dalla vita societaria. La sua attenzione e la sua grande curiosità intellettuale si erano rivolte verso territori relativamente distanti dalla stanza di analisi: il trattamento comunitario degli psicotici e la ricerca epistemologica. La cura dei gravi malati mentali in verità era un interesse che non si era mai spento in lui, anche se aveva da tempo abbandonato la pratica psichiatrica per quella psicoanalitica.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.