Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To download the bibliographic list of all PEP-Web content…

PEP-Web Tip of the Day

Did you know that you can download a bibliography of all content available on PEP Web to import to Endnote, Refer, or other bibliography manager? Just click on the link found at the bottom of the webpage. You can import into any UTF-8 (Unicode) compatible software which can import data in “Refer” format. You can get a free trial of one such program, Endnote, by clicking here.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Manfredi, S.T. (1993). Josè Bleger Simbiosi e Ambiguità. Studio Psicoanalitico Libreria Editrice Lauretana, Loreto (AN), 1992, 369 pagine, L. 50.000.. Rivista Psicoanal., 39(1):175-179.

(1993). Rivista di Psicoanalisi, 39(1):175-179

Josè Bleger Simbiosi e Ambiguità. Studio Psicoanalitico Libreria Editrice Lauretana, Loreto (AN), 1992, 369 pagine, L. 50.000.

Review by:
Stefania Turillazzi Manfredi

Simbiosi e Ambiguità, un libro uscito in Argentina nel 1967, viene presentato per la prima volta integralmente grazie alla Libreria Editrice Lauretana, che già aveva pubblicato nel 1989 dello stesso autore Psicoigiene e Psicologia Istituzionale: Il colloquio psicologico e contributi per una Psicopatologia Psicoanalitica.

Josè Bleger (1922-1972) appartiene alla seconda generazione di psicoanalisti argentini, quella che seguì al piccolo gruppo dei fondatori e della quale fece parte anche H. Racker, noto in Italia da anni.

Autore fertile ed originale di molti saggi, purtroppo scomparso all'età di 50 anni, cominciò a pubblicare nel 1949. In Simbiosi e Ambiguità Bleger, sulla base di descrizioni cliniche molto affascinanti del transfert psicotico, formula l'ipotesi di una posizione molto precoce, precedente alla posizione kleiniana schizo-paranoide, che l'autore chiama glischro-carica.

Secondo Bleger l'essere umano si differenzia a partire da uno stadio primitivo di indifferenziazione. All'interno di questa indifferenziazione iniziale, denominata “nucleo agglutinato”, che persisterà per tutta la vita come parte psicotica della personalità, non esiste né discriminazione degli oggetti tra loro né in rapporto all'Io. L'angoscia tipica della posizione glischro-carica è l'angoscia confusionale, catastrofica in ragione della sua intensità e della sua massività. I meccanismi di difesa tipici sono il clivaggio, la frammentazione e l'immobilizzazione.

Sulla base del concetto di malattia unica, formulato da Pichon Rivière, Bleger svolge le vicissitudini e il destino del “nucleo agglutinato”: la disgregazione psicotica schizofrenica, l'ipocondria, la malattia psicosomatica schizofrenica, l'ipocondria, la malattia psicosomatica, la melanconia, la mania, i passaggi all'atto psicopatici e perversi.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.