Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To use Evernote for note taking…

PEP-Web Tip of the Day

Evernote is a general note taking application that integrates with your browser. You can use it to save entire articles, bookmark articles, take notes, and more. It comes in both a free version which has limited synchronization capabilities, and also a subscription version, which raises that limit. You can download Evernote for your computer here. It can be used online, and there’s an app for it as well.

Some of the things you can do with Evernote:

  • Save search-result lists
  • Save complete articles
  • Save bookmarks to articles

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Zennaro, C. (1997). Zeitschrift für psychoanalytische Theorie und Praxis vol. XI, 1996. Van Gorcum, Assen, 482 pagine, Fiorini Olandesi 165.. Rivista Psicoanal., 43(4):699-702.

(1997). Rivista di Psicoanalisi, 43(4):699-702

Zeitschrift für psychoanalytische Theorie und Praxis vol. XI, 1996. Van Gorcum, Assen, 482 pagine, Fiorini Olandesi 165.

Review by:
Carla Zennaro

Lo spazio necessariamente limitato costringe ad una scelta parziale fra i molti articoli dei regolari quattro quaderni pubblicati. Tutti i contributi del primo quaderno riguardano la morte ed il lutto, la colpa e i sensi di colpa, il fallimento e la colpa, la guerra ed i morti. Com'è oramai consuetudine, la serie è aperta con la lezione che l'ospite di turno, invitato alla fondazione Sigmund Freud, tiene nell'aula “Johann Wolfgang Goethe” dell'Università di Francoforte. Nel novembre 1995 è stata la volta di J. Laplanche, che ha letto un lavoro intitolato “La (così detta) pulsione di morte: una pulsione sessuale”. I. Gubrich-Simitis, cui è affidato il non facile compito della laudatio dell'illustre ospite, ne traccia l'opera e ne introduce l'autonomo ed originale pensiero.

Dapprima, Laplanche tratta il tema da un punto di vista storico-critico ed espone come egli veda l'origine e la funzione della pulsione di morte nell'evoluzione del pensiero freudiano. Successivamente, presenta il punto di vista metapsicologico e si pone l'interrogativo di quale posizione accordare in una metapsicologia dell'essere umano e dell'inconscio a quelle forze che Freud definì (impropriamente, a suo avviso) pulsione di morte e pulsione di vita. In terzo luogo, l'Autore tratta l'argomento dal punto di vista della psicologia generale e dà delle indicazioni su come spiegare le più importanti manifestazioni degli affetti, vale a dire l'amore e l'odio negli esseri umani, senza aderire esattamente alla concezione freudiana.

Nell'articolo successivo, B. Reiter si chiede per quale motivo Freud abbia avuto la necessità di riformulare (1920) la concezione dualistica della pulsione di vita e di morte. Tenta una ricostruzione storica delle idee allo scopo di cogliere le pre-teorie ed i motivi teorici che possono avere contribuito a questa ultima grande revisione nell'opera freudiana.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.