Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see who cited a particular article…

PEP-Web Tip of the Day

To see what papers cited a particular article, click on “[Who Cited This?] which can be found at the end of every article.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Berti Ceroni, G. (2003). Sui bordi della psicoanalisi Gli apporti alla psicoanalisi da altre attività di cura. Rivista Psicoanal., 49(2):379-388.

(2003). Rivista di Psicoanalisi, 49(2):379-388

Sui bordi della psicoanalisi Gli apporti alla psicoanalisi da altre attività di cura

Giuseppe Berti Ceroni

Vorrei riprendere alcuni temi di cui mi sono occupato (Berti Ceroni, 2002), cercando di avvicinarmi al centro di un argomento che sento cruciale: la psicoanalisi è tradita o trae nutrimento da attività terapeutiche che si collocano ai suoi bordi o—almeno in prima istanza—fuori di essa? O, semplicemente, è ad esse indifferente? O, infine, ne carpisce i contributi senza gratitudine?

Propongo di rovesciare la prospettiva che più di frequente viene usata: non parlo della psicoanalisi che ispira processi di cura o dà conto di come essi siano efficaci, seppure avvengano fuori delle sue modalità tecniche abituali o delle sue più consumate variazioni, ma mi chiedo se e quali degli sviluppi concettuali e tecnici della psicoanalisi siano stati promossi—almeno parzialmente—da questi processi di cura: non quindi l'applicazione—più o meno epistemologicamente lecita e più o meno proficua—delle conoscenze psicoanalitiche fuori delle sue mura, ma la stimolazione di sviluppi teorici e tecnici nella psicoanalisi da parte di attività terapeutiche svolte ai suoi margini o fuori di essi. Il tema è comunque il nesso sempre stretto fra cura e conoscenza.

Vorrei in primo luogo rifarmi ad un momento storico preciso, la fine della seconda guerra mondiale e il dopoguerra in Inghilterra: Balint lavorava con un gruppo di medici di medicina generale per identificare modalità e processi augurabili di cura nel loro stesso ambito professionale, Winnicott era pediatra e osservava gli scarabocchi che i suoi piccoli pazienti erano messi in condizione di fare, Bion e molti altri si occupavano di gruppi; al Tavistock Institute Jaques e altri si avventuravano sul terreno del funzionamento dei gruppi sociali.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.