Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To receive notifications about new content…

PEP-Web Tip of the Day

Want to receive notifications about new content in PEP Web? For more information about this feature, click here

To sign up to PEP Web Alert for weekly emails with new content updates click click here.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Oberti, J. (2003). Cosimo Schinaia (2001) Pedofilia Pedofilie Torino, Boringhieri, 290 pagine, euro 23,20. Rivista Psicoanal., 49(2):421-422.

(2003). Rivista di Psicoanalisi, 49(2):421-422

RECENSIONI

Cosimo Schinaia (2001) Pedofilia Pedofilie Torino, Boringhieri, 290 pagine, euro 23,20

Review by:
Jole Oberti

È difficile parlare di pedofilia in un momento in cui essa è oggetto privilegiato dell'attenzione sociale.

L'alta valenza emotiva rischia di favorire atteggiamenti mentali ideologici che nella loro rigidità dipendono dall'esperienza di vissuti intensi e connessi alla complessità e alla sofferenza nella pedofilia.

Il libro però non nasce nell'attuale contesto sociale di “rumore” sulla pedofilia, ma è il risultato di un lungo e continuo impegno di Cosimo Schinaia nel collegare psicoanalisi e società, psicoanalisi e servizi sanitari.

In particolare il volume è l'espressione di un gruppo di lavoro nei servizi di salute mentale a Genova, composto da psichiatri di formazione ed orientamento psicoanalitico.

Il gruppo sembra porsi come uno spazio per pensare la pedofilia, rivelandone via via la complessità e perciò l'impossibilità riduttiva, sia essa sintomatologica, comportamentale o etiopatologica: l'appartenenza gruppale sembra aver permesso agli autori di avvicinarsi alla pedofilia senza rimanere prigionieri dell'ideologia, mantenendo un vertice prospettico che ha come primo risultato generale la trasformazione della pedofilia in pedofilie, come lo stesso titolo indica. Non casuale che fra i molteplici vertici culturali narranti sia assente il vertice socialmente prevalente, cioè quello giuridico.

L'assenza sembra espressione dell'impegno del libro ad evitare le pressioni emotive ideologiche, ovvero la scissione tra innocentizzazione e persecutorietà.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.