Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To quickly return to the issue’s Table of Contents from an article…

PEP-Web Tip of the Day

You can go back to to the issue’s Table of Contents in one click by clicking on the article title in the article view. What’s more, it will take you to the specific place in the TOC where the article appears.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Zanette, M. (2003). Journal of Child Psychotherapy vol. 28, nn. 1 e 3, 2002 Routledge, London, pp. 1-109 e 265-407; £ 52. Rivista Psicoanal., 49(2):441-445.

(2003). Rivista di Psicoanalisi, 49(2):441-445

RIVISTE STRANIERE

Journal of Child Psychotherapy vol. 28, nn. 1 e 3, 2002 Routledge, London, pp. 1-109 e 265-407; £ 52

Review by:
Mirella Zanette

Gli editoriali del 1° e del 3° fascicolo (il secondo è rimasto irraggiungibile per disguidi postali) sottolineano lo sviluppo e il consolidamento nella koiné internazionale di concetti teorici clinicamente fondati. Lo dimostrano i contributi sulle patologie dello spettro autistico e sul lavoro terapeutico in contesti diversificati. L'interesse per l'adolescenza è sottolineato, oltre che da tre contributi, dalla proposta editoriale di un prossimo numero monografico dedicato al lavoro con gli adolescenti in setting specifici come le scuole secondarie o l'università.

Ch. Reeves (A necessary conjunction: Dockar-Drysdale and Winnicott) introduce il primo fascicolo con la storia dell'incontro, a metà degli anni cinquanta, tra Winnicott e Barbara Dockar-Drysdale, fondatrice, nel primo dopoguerra, della Mulberry Bush School, un luogo terapeutico per fornire a ragazzi deprivati, con tendenze antisociali (Frozen children, è il titolo di un suo lavoro del 1958), un'esperienza riparativa e la regressione necessaria al suo realizzarsi sulla base dell'assoluta disponibilità e dell'adattamento dell'adulto alle richieste, attese, frustrazioni dei ragazzi in difficoltà Se i concetti winnicottiani di “integrazione” e di “esperienza primaria” fornirono alla Dockar-Drysdale un aiuto a formulare con chiarezza il compito terapeutico della Mulberry Bush School, l'esperienza di un ambiente confortevole, solido, ma che non si pretendeva indistruttibile, sostanziò i concetti winnicottiani di “madre sufficientemente buona”, di “sopravvivenza dell'ambiente materno” agli attacchi distruttivi.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.