Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To keep track of most cited articles…

PEP-Web Tip of the Day

You can always keep track of the Most Cited Journal Articles on PEP Web by checking the PEP Section found on the homepage.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(2003). Emanuele Bonasia e Giampaolo Kluzer EPF Training Colloquium Budapest, 7-8 dicembre 2002. Rivista Psicoanal., 49(2):459-464.

(2003). Rivista di Psicoanalisi, 49(2):459-464

CRONACHE

Emanuele Bonasia e Giampaolo Kluzer EPF Training Colloquium Budapest, 7-8 dicembre 2002

Quest'anno il Colloquium, che periodicamente riunisce gli analisti con funzioni di training delle società psicoanalitiche europee, si è svolto a Budapest ed è stato dedicato ai problemi di formazione e valutazione dei candidati. Vi hanno partecipato una cinquantina di analisti (per la SPI erano presenti Emanuele Bonasia, Domenico Chianese e Giampaolo Kluzer).

Il Colloquium si è svolto per l'intera giornata di sabato e la mattina di domenica. È stato aperto da una riunione plenaria in cui, su proposta di David Tuckett, presidente della FEP, sono stati posti i temi di lavoro:

1)   specificazione ed esplicitazione degli obiettivi del training

2)   individuazione dei parametri valutativi con i quali gli analisti formatori verificano se gli obiettivi sono stati raggiunti.

Si è preliminarmente concordato che la competenza psicoanalitica e l'atteggiamento psicoanalitico che la sottende sono l'obiettivo della formazione, anche se essi possono differire nelle loro connotazioni in funzione dei diversi presupposti teorici e tecnici.

La larga maggioranza dei partecipanti ha concordato sulla necessità di sostenere l'intuizione valutativa con l'esplicitazione, più trasparente possibile, dei criteri seguiti.

Uno di noi (Bonasia), prendendo a prestito da Stern il concetto, ha suggerito le principali “finestre” oggetto di valutazione: 1) la relazione candidato-paziente, 2) la relazione supervisore-candidato, 3) il rapporto candidato-istituzione, 4) la relazione candidato-psicoanalisi, 5) il rapporto supervisore-istituzione.

Diversi interventi (tra gli altri MargaretTarget e David Tuckett, ambedue della British Psycho-Analytical Society) hanno sottolineato alcuni ostacoli che si oppongono al processo di valutazione, fra cui la tendenza del candidato a parlare del caso piuttosto che della interazione col paziente.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.