Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To zoom in or out on PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Are you having difficulty reading an article due its font size? In order to make the content on PEP-Web larger (zoom in), press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the plus sign (+). Press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the minus sign (-) to make the content smaller (zoom out). To go back to 100% size (normal size), press Ctrl (⌘Command on the Mac) + 0 (the number 0).

Another way on Windows: Hold the Ctrl key and scroll the mouse wheel up or down to zoom in and out (respectively) of the webpage. Laptop users may use two fingers and separate them or bring them together while pressing the mouse track pad.

Safari users: You can also improve the readability of you browser when using Safari, with the Reader Mode: Go to PEP-Web. Right-click the URL box and select Settings for This Website, or go to Safari > Settings for This Website. A large pop-up will appear underneath the URL box. Look for the header that reads, “When visiting this website.” If you want Reader mode to always work on this site, check the box for “Use Reader when available.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Guarnieri, R. (2003). Topique (2002) n. 79 - La Dette L'Esprit du Temps, Le Bouscat. Rivista Psicoanal., 49(3):635-641.

(2003). Rivista di Psicoanalisi, 49(3):635-641

RIVISTE STRANIERE

Topique (2002) n. 79 - La Dette L'Esprit du Temps, Le Bouscat

Review by:
Roberta Guarnieri

La breve prefazione del n° 79 di Topique ci informa che il contenuto del volume è il frutto di un lavoro interdisciplinare tra Diritto e Psicoanalisi, che aveva già prodotto altri due volumi della rivista: “Avere diritto” (n° 52, 1993) e “La confessione e la prova” (n° 70, 1999). Accanto a questi articoli viene presentato anche un Dossier Freud/Jung che contiene i lavori di un incontro dell'Associazione Internazionale di Storia della Psicoanalisi che ha avuto luogo il 2 febbraio 2002, dal titolo “L'incontro mancato Freud/Jung. Lettura di due autobiografie”.

L'accostamento non pare casuale se si pensa al complesso legame tra il fondatore della psicoanalisi e il suo, designato, “delfino”, un legame nel quale sembra si possa ora riconoscere un reciproco “debito” che solo il lavoro di uno storico può dipanare.

Partirei perciò proprio dal dossier Freud/Jung per sottolineare gli aspetti che mi sono sembrati più interessanti in questo numero, il cui filo rosso viene esplicitato nella prefazione dove si sottolinea il legame tra il debito e il processo identificatorio.

Prima di introdurre alcuni degli articoli vorrei cogliere l'occasione per sottolineare quanto la dimensione storica della psicoanalisi e la ricerca storica sulla psicoanalisi e sul movimento psicoanalitico siano presenti in questa rivista. Questo fatto sembra essere in sintonia con quegli analisti che, in diversi contesti, si stanno ponendo il problema di che cosa voglia dire fare storia della psicoanalisi, e di chi dovrebbe farla, così come l'attenzione per la dimensione storica della nostra “scienza” si intreccia fortemente con il problema della sua trasmissione che, se diventa la trasmissione di una pratica terapeutica, rischia di perdere il legame necessariamente fondante con la propria origine: un'origine che porta con sé i segni della ricostruzione mitica e che continuamente necessita di un lavoro in senso contrario, un lavoro al quale gli storici possono contribuire in modo fecondo.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.