Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To suggest new content…

PEP-Web Tip of the Day

Help us improve PEP Web. If you would like to suggest new content, click here and fill in the form with your ideas!

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Laplanche, J. (2004). Tre accezioni del termine “inconscio” nella cornice della Teoria della Seduzione Generalizzata. Rivista Psicoanal., 50(1):11-26.
    

(2004). Rivista di Psicoanalisi, 50(1):11-26

Tre accezioni del termine “inconscio” nella cornice della Teoria della Seduzione Generalizzata

Jean Laplanche

I.1. La Teoria della Seduzione Generalizzata ha origine nella teoria della seduzione di Freud, ma la generalizza. La teoria freudiana degli anni 1896-1897 rendeva efficacemente conto della nozione di rimozione, ma nei limiti di una situazione contingente, ristretta: essa si limitava all'ambito della psicopatologia. Per utilizzare concisamente una formula: “a figlia nevrotica, padre perverso”. A Freud mancavano diversi elementi per correggerla generalizzandola, anziché abbandonarla nella famosa lettera del 21 settembre 1897. Ciò che gli mancava era la nozione di perversità polimorfa e di sessualità generalizzata, così come la descriverà nei Tre saggi nel 1905. Ciò che gli mancava era la nozione di comunicazione precoce e di messaggio. Ciò che inoltre gli mancava era l'aver teorizzato a fondo la nozione di traduzione come molla della rimozione. La nozione di traduzione è coerente con la concezione dell'essere umano come essere di linguaggio e di comunicazione; essa si sostituisce felicemente agli schemi meccanici utilizzati nella teoria classica della rimozione.

I.2.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.